Come usare l’aceto in casa: scopri le sue mille virtù

Guida Guida

Scopri i tanti impieghi dell’aceto, un prodotto naturale dalle mille virtù in grado di pulire e disinfettare ogni superficie di casa nostra senza inquinare.

L’aceto è da sempre un valido aiuto per l’igiene della casa ma anche per la cura e il benessere del nostro corpo: scopri le mille virtù di questo prodotto completamente naturale, economico e soprattutto non inquinante.

  • Bucato

Per il bucato, l’aceto risulta valido sia come smacchiatore  che come ammorbidente: prova ad aggiungere in lavatrice, durante l’ultimo risciacquo, due tappi grandi di aceto e vedrai che il colore dei tuoi capi durerà di più. Oltre a sgrassare, disinfettare e profumare la biancheria, l’aceto funzionerà come anticalcare per la lavatrice.

Per trattare invece le macchie di sudore oppure quelle di fango basta tamponare lo sporco prima con l’aceto puro e poi lasciare immerso il capo sporco in acqua e aceto per qualche ora.

L’aceto si rivela un infallibile alleato anche per combattere l’infeltrimento dei capi in lana: prova ad immergere i maglioni infeltriti in una soluzione di acqua e aceto e vedrai che, lavaggio dopo lavaggio, riacquisteranno morbidezza.

  • Cattivi odori

L’aceto si rivela infallibile nell’eliminare alcuni tipi di odori sgradevoli come l’odore del cavolo cotto o quello di vernice.

Nel primo caso inserisci durante la cottura del cavolo un pezzo di pane imbevuto di aceto mentre per trattare l’odore di vernice così come per eliminare l’odore di fumo e di aria viziata, ti conviene lasciare nella stanza uno o più contenitori riempiti d’aceto.

Per togliere l’odore di candeggina dalle mani: basta sfregarle con un po’ di ovatta imbevuta in un soluzione di acqua bollente, sale e aceto.

  • In bagno

L’aceto è ottimo per rimuovere il calcare dai sanitari, dai rubinetti e dal soffione della doccia: anche le pareti del box doccia o la tenda di plastica possono essere trattati con l’aceto che disinfetta e previene il formarsi di muffe.

Se il calcare è particolarmente resistente, lascia immerso l’elemento da trattare in una bacinella contenente aceto puro per diverse ore e poi risciacqua bene.

Per lo scarico ostruito del lavandino puoi versare mezzo litro di aceto puro e lasciarlo agire per qualche ora prima di far scorrere acqua calda oppure puoi versare nello scarico 150 gr di sale grosso più 150 gr di bicarbonato e poi aggiungere dell’acqua bollente dove hai sciolto mezzo bicchiere di aceto bianco.

  • In cucina

Oltre a rimuovere le incrostazione di calcare dall’acciaio inox delle pentole o del lavello, l’aceto si rivela formidabile per sgrassare, igienizzare e deodorare il forno, il forno a microonde, la lavastoviglie, il frigorifero nonché i vari contenitori per alimenti, i bollitori, la moka per il caffè e le stoviglie.

  • Capelli

Alcune gocce di aceto bianco da frizionare sulla cute dopo lo shampoo proteggono la chioma dagli attacchi dei pidocchi: abituati poi a risciacquare i capelli con acqua e aceto dopo lo shampoo regalerà lucentezza e morbidezza ai tuoi capelli.

Foto © Viktorija - Fotolia.com 

Aceto e pipì

Se il cane ha fatto pipì sul tappeto o in un angolo della casa passa un panno imbevuto di aceto e vedrai che in quel punto il cane non urinerà più.
 

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Ecologia e ambiente
SEGUICI