Come affrontare il caldo con il decalogo di FederAnziani

Guida Guida

Il caldo può essere pericoloso per tutti, ma i rischi aumentano con gli anni. Scopri come affrontarlo con i consigli di FederAnziani! 

Durante l'estate dobbiamo tutti fare i conti con i possibili effetti collaterali delle giornate in cui il caldo supera limiti salutari.

Alcune categorie di persone sono però particolarmente a rischio. Fra queste sono inclusi i bambini e le donne incinte, ma non solo.

Superata una “certa età” tutti, uomini e donne, devono fare più attenzione ad evitare disidratazione, colpi di calore e altri problemi associati alle temperature elevate

Per questo motivo FederAnziani ha messo a punto un decalogo per proteggere la salute durante l'estate pensato appositamente per le persone che hanno superato i 65 anni d'età.

Dobbiamo prevenire i tanti pericoli che le temperature estive recano alla salute degli anziani”, spiega Roberto Messina, presidente dell'associazione. “Troppo spesso, purtroppo, leggerezza e superficialità possono costare caro in questa stagione”.

Ecco i dieci comandamenti di FederAnziani contro il caldo

  • Evitate di uscire nelle ore più calde della giornata, cioè dalle 12 alle 17
  • Arieggiate l’ambiente in cui vivete, anche utilizzando un ventilatore, facendo attenzione a non esporvi alla ventilazione diretta
  • Bevete molti liquidi, almeno un litro e mezzo al giorno, per reintegrare le perdite quotidiane di sali minerali. Evitate invece bevande alcoliche, gassate, troppo zuccherate e troppo fredde e non eccedete con caffè o
  • Consumate pasti leggeri preferendo pasta, frutta, verdura, gelati alla frutta ed evitate cibi grassi e piccanti
  • Tenete il capo riparato dal sole
  • Fate attenzione a non esporvi al sole per troppo tempo. Se dopo un’esposizione eccessiva dovesse insorge mal di testa fate impacchi con acqua fresca per abbassare la temperatura corporea
  • Indossate abiti leggeri, non aderenti, di colore chiaro e tessuti naturali: le fibre sintetiche ostacolano il passaggio dell’aria
  • Non interrompete le terapie mediche e non sostituite i farmaci che assumete abitualmente di vostra iniziativa. Per ogni eventuale modifica delle cure che state seguendo consultate sempre il medico
  • Non restate all’interno di automobili parcheggiate al sole.
  • Se è possibile è consigliabile andare in vacanza in località collinari o termali

L’undicesimo punto di questo decalogo”, aggiunge Messina, “è rivolto a familiari, amici, figli, nipoti e vicini di casa dei nostri insostituibili ‘nonni’: non lasciateli soli!”.

Aiutateli per le necessità quotidiane: un invito che vale sempre, ma ancora di più in questi momenti critici, in cui questi ‘nonni’ non possono uscire di casa per gran parte della giornata”.

Dategli una mano a vivere un’estate serena, bussate alla loro porta ogni tanto per sapere se hanno bisogno di qualcosa, assicuratevi che seguano le regole fondamentali del nostro decalogo contro il caldo. E se vi è possibile, portateli in vacanza con voi o aiutateli ad andarci”.

Foto © ASK-Fotografie - Fotolia.com
Fonte: FederAnziani 

Più caldo, più acqua

La disidratazione è uno dei rischi principali del caldo. Per questo è importante bere anche quando non si ha sete e ricordarsi che i 6-8 bicchieri di acqua al giorno necessari durante tutto l'anno possono aumentare significativamente all'aumentare delle temperature. 

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Salute e benessere
SEGUICI