Come combattere l'insonnia con l'omeopatia

Guida Guida

In caso di ansia lieve o moderata l'omeopatia può aiutare a combattere l'insonnia. Scopri i rimedi consigliati dall'esperto! 

L'insonnia è nemica della salute di molti italiani.

A soffrirne è infatti ben 1 abitante su 3 della penisola, che proprio a causa di questo disturbo del sonno – uno dei più frequenti – si ritrova ad avere a che fare con spossatezza, difficoltà di concentrazione, alterazioni dell'umore e un affaticamento che accompagna, inesorabile, tutta la giornata.

Il problema può presentarsi a diversi livelli: c'è chi fa fatica ad addormentarsi e chi si risveglia spesso durante la notte; non manca nemmeno chi ha a che fare con un'insonnia che lo porta a svegliarsi decisamente troppo presto al mattino.

Come affrontarlo?

I sonniferi non sono l'unica soluzione contro l'insonnia: anche l'omeopatia può aiutare ad affrontare il problema con successo

A suggerire la possibilità di ricorrere ai rimedi omeopatici è Massimo Saruggia, medico esperto in omeopatia e psicoterapeuta.

Saruggia sottolinea come l'insonnia possa spesso essere la manifestazione di un problema associato alle preoccupazioni quotidiane.

Problemi familiari o economici, insuccessi, frustrazioni, traumi o anche solo i ritmi frenetici della vita moderna possono tradursi in un'ansia lieve o moderata che compromette il buon riposo.

Secondo l'esperto l'omeopatia può essere utile proprio in questi casi.

Con questi presupposti il vantaggio dei medicinali omeopatici risiede nell'assenza di effetti collaterali e nella possibilità di essere assunti senza che interferiscano con eventuali terapie farmacologiche in corso.

Inoltre l'omeopatia non crea rischi di dipendenza o assuefazione come possono invece fare molti dei farmaci spesso utilizzati per far fronte ai disturbi del sonno.

Ecco i rimedi omeopatici adatti a contrastare l'insonnia

  • In caso di ansia lieve o moderata: Datif PC, 2 compresse da sciogliere in bocca 3 volte al giorno. Indicato anche in caso di stress psicofisico
  • In caso di eventi stressanti specifici (ad esempio un lutto): Gelsemium 9 CH e Ignatia 9 CH, da assumere contemporaneamente. Per ognuno di consigliano 5 granuli al mattino a digiuno e prima di andare a dormire
  • In caso di iperideazione (incapacità di liberare la mente dai pensieri): Coffea cruda 9 CH, 5 granuli prima di coricarsi ed eventualmente durante la notte

Foto © stefanolunardi - Fotolia.com 

Nome comune o specialità?

I medicinali omeopatici possono essere “a nome comune”, riconoscibili perché indicati con un nome latino, o “specialità”. I primi sono disponibili a diverse diluizioni omeopatiche, mentre i secondi possono contenere un solo rimedio o un'associazione di più medicinali omeopatici. 

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Salute e benessere
SEGUICI