Home Tips

Gestire l’antifurto casa con un’app: tutti i vantaggi

App per gestire l'impianto antifurto: come migliorare la sicurezza della propria abitazione connettendo l'impianto di allarme alla rete internet.

App per gestire l'impianto antifurto: come migliorare la sicurezza della propria abitazione connettendo l'impianto di allarme alla rete internet.

La domotica è ormai parte integrante della nostra vita domestica. Lo sono anche le sempre più diffuse app per gestire l’antifurto di casa, che permettono di sfruttare appieno la comodità dei sistemi intelligenti per migliorare la sicurezza dell’abitazione. Grazie alla possibilità di connettere l’impianto di allarme alla rete internet - facilmente collegabile nel caso di sistemi con telecamere e sensori completamente wireless - il connubio tra domotica e sicurezza è diventato una realtà concreta, alla portata di tutti.

I vantaggi della gestione con l’app per l’allarme

Comunemente un impianto d’allarme permette di posizionare all’interno e all’esterno della casa delle telecamere e dei sensori di movimento, che non appena rilevano la presenza di qualcuno nelle vicinanze dell’abitazione, inviano un impulso alla centralina. A questo punto si attiva l’allarme sonoro, udibile anche da lontano, che può essere accompagnato dall’invio di messaggi di allerta a una Centrale Operativa o alle Forze dell’Ordine.

Avere a disposizione un’app per allarme casa permette di fare un ulteriore passo in avanti verso una maggiore sicurezza dell’abitazione. Nel caso in cui l’impianto antifurto sia gestibile da app, oltre ad assicurare le medesime funzionalità di un allarme tradizionale, permette di verificare la situazione direttamente dallo smartphone. Ad esempio, è possibile osservare le immagini catturate dalle telecamere per valutare ciò che sta avvenendo in casa e l’eventuale presenza di malfattori all’interno della proprietà.

Ulteriori vantaggi delle app dell’antifurto

I vantaggi delle app per la gestione dell'antifurto

Grazie al collegamento wireless, un impianto munito di applicazione di controllo, oltre alla verifica dello stato della casa in caso di attivazione dell’allarme, permette di svolgere una serie di altre attività funzionali. È possibile per esempio avviare dei comandi da remoto per attivare l’antifurto o verificare di averlo fatto.

Chi ha installato una telecamera all’interno dell’abitazione può sfruttare l’app antifurto casa per controllare ciò che avviene in casa, anche in una situazione di completa quiete. Si pensi ad esempio a chi possiede degli animali domestici che, se lasciati a casa da soli, potrebbero necessitare di un controllo regolare, o se in casa ci sono bambini piccoli o persone anziane che potrebbero necessitare di assistenza. Tramite la registrazione di ciò che riprendono le telecamere si possono effettuare delle verifiche, sempre a distanza, sugli avvenimenti del passato. In pratica anche da un luogo di villeggiatura, o più semplicemente dall’ufficio, si ha un costante controllo della propria abitazione, in tempo reale.

Come scegliere un impianto di allarme

Non tutti gli impianti di allarme oggi in vendita sono dotati di collegamento wireless alla rete internet domestica, eppure visti i numerosi vantaggi di questo tipo di proposta, appare evidente quanto sia invece opportuno scegliere, tra gli allarmi in commercio, un modello che offra questa opportunità. È importante sottolineare che non è necessario acquistare un nuovo sistema di allarme: un tecnico specializzato può implementare l’opzione wireless su impianti già installati, in modo da renderli gestibili tramite un’app sicura, comoda e pratica da utilizzare.

Le migliori opzioni sul mercato

In linea generale i migliori prodotti antifurto oggi disponibili sono quelli wireless, senza cavi per l’alimentazione di sensori e telecamere e per il collegamento alla rete internet e alla centralina di gestione dell’impianto. Chi desidera che l’allarme sia collegato a una centrale di pronto intervento può scegliere l’antifurto casa Protezione 24 di Sicuritalia: questa opzione permette di inviare il messaggio di allarme a una Centrale Operativaattiva 24 ore al giorno e 365 giorni all’anno.