special

Speciale maturità

Uno speciale per superare brillantemente l'esame di maturità... Dall'alimentazione corretta, al movimento fisico fino alle tecniche di memorizzazione, un vademecum completo per affrontare senza stress l'esame di stato.

Vai allo speciale
Adolescenza

Esame di maturità e alimentazione: parola alla nutrizionista!

Cosa e come mangiare durante gli esami di maturità? Lo abbiamo chiesto alla dottoressa Nicoletta Gastaldo, Nutrizionista specialista in Scienze dell' Alimentazione. Scopri i suoi consigli.

Cosa e come mangiare durante gli esami di maturità? Lo abbiamo chiesto alla dottoressa Nicoletta Gastaldo, Nutrizionista specialista in Scienze dell' Alimentazione. Scopri i suoi consigli.

Aiuto! Cosa e come mangiare durante gli esami di maturità? Lo abbiamo chiesto alla dottoressa Nicoletta Gastaldo, Nutrizionista specialista in Scienze dell' Alimentazione (provincia di Alessandria), che spiega "Un'alimentazione corretta ed equilibrata è la base per il mantenimento di un buono stato di salute, una condizione fondamentale quando è necessario affrontare situazioni di stress. Indispensabile quindi attenersi a tre caratteristiche: varietà completezza, moderazione".

Prima di tutto è bene - per evitare cali di energia durante il giorno - "distribuire l'apporto calorico in 5 pasti durante i quali la quantità del cibo dovrebbe essere così suddiviso: colazione 20%, spuntino 5%, pranzo 35%, merenda 10%, cena 30 %".

Iniziare la giornata con una buona colazione è un'ottima abitudine. Ma cosa mangiare? "Carboidrati complessi (pane, fette biscottate, fiocchi di cereali integrali) associati a zuccheri semplici (marmellata, miele) e proteine del latte o dello yogurt magro". Chi ama il salato, invece "può scegliere del pane, magari integrale, spalmato con ricotta o con qualche fetta di prosciutto magro ed una spremuta o un centrifugato di frutta". Per tutti d'obbligo bere almeno un paio di bicchieri di acqua naturale e fare una pausa per consumare uno spuntino, come un frutto di stagione.

Il pranzo deve nutrire ma senza appesantire, è bene scegliere dei piatti che apportino carboidrati ma anche fibra, proteine e grassi". Buona soluzione sono i piatti unici a base di pasta o di riso associati alle proteine vegetali dei legumi, o conditi con un ragù magro.

"Importante è poi una merenda come un frullato di frutta e yogurt oppure dei cracker e una scaglia di formaggio grana o un gelato alla frutta". Quanto alla cena, "Via libera a passati di verdura e a un secondo a base di pesce o carne bianca, un contorno di verdura e frutta fresca". 

Banditi caffè e bevande eccitanti. Ok invece a un aperitivo analcolico o a una pizza con gli amici accompagnata da una macedonia, un sorbetto o un gelato.