10 frasi da dire a un bambino al posto di "non piangere"

Classifica Classifica

Piangendo, il bambino mette in atto un meccanismo di difesa e recupero, lasciando uscire emozioni cui a volte non sanno dare un nome: ecco perché è importante usare le parole giuste.

Non tutti i genitori hanno la capacità di riconoscerlo a prima vista, ma spesso le lacrime dei bambini sono rivelatore. Piangendo, il bambino mette in atto un meccanismo di difesa e recupero, lasciando uscire emozioni cui a volte non sanno dare un nome. Il loro organismo, insomma, si attiva in maniera naturale e automatica per portare sollievo, ed è importante che i genitori sappiano approcciarsi al pianto in maniera costruttiva.

La frase più classica che viene pronunciata quando le lacrime iniziano ad arrivare è “non piangere”. Eppure, siamo davvero sicuri che invitare il bambino a non piangere - e dunque a non lasciare libero sfogo alle sue emozioni - sia la cosa giusta da fare?

Per gli esperti, è meglio incoraggiarli invece a piangere se sentono il bisogno di farlo, soprattutto quando si sentono feriti, arrabbiati, tristi o spaventati, e cioè quando sono le emozioni a prendere il sopravvento. E per gestire la situazione al meglio ci sono molte alternative al “non piangere”, frasi che, pronunciate al momento giusto, li fanno sentire ascoltati e soprattutto capiti, e li aiutano a decifrare le loro emozioni: eccone 10.

1. Sono qui

2. Capisco quanto tu sia turbato

3. Resterò accanto a te

4. Non vado da nessuna parte

5. Sei al sicuro

6. Ti ascolto e sono qui per te

7. Mi dispiace per quanto è successo (nel caso in cui sia accaduto qualcosa che l’ha turbato)

8. Capisco che quanto accaduto ti abbia turbato

9. Sono sicura che riusciremo a risolvere questa situazione insieme

10. Mi dispiace che sia così dura, e capisco quello che provi

LEGGI ANCHE: 10 frasi per augurare buon compleanno a un bambino 

Genitori e bambini
SEGUICI