Adolescenti e social network: rischio ansia e depressione per i giovani sempre connessi

Un recente studio dell'Università di Glasgow lancia l'allarme sui possibili effetti dell'uso dei social sui ragazzi.

Un recente studio dell'Università di Glasgow lancia l'allarme sui possibili effetti dell'uso dei social sui ragazzi.

Chi ha figli adolescenti lo sa bene: difficile vederli separati dai loro smartphone, anche poco prima di dormire.

Condividere  foto, istanti e pensieri  su facebook o su  twitter è ormai abitudine consolidata tra tutti i giovani e anche la maggior parte dei genitori sembra non farci più caso.

Attenzione però,  perché l’uso dei social network potrebbe compromettere la salute dei ragazzi

A lanciare l’allarme, uno studio condotto all’Università di Glasgow da Heather Cleland Woods e Holly Scott. Sottoponendo a diversi test e questionari 467 giovani dai 13 ai 19 anni, le due ricercatrici hanno infatti messo in luce il legame esistente tra l’uso dei social media e il benessere psichico.

Ansia, depressione e insonnia sarebbero così  i rischi in cui i giovani social- addicted rischierebbero di incappare, soprattutto nei casi in cui l’utilizzo di facebook & co si concentra  maggiormente nelle ore notturne.

“Durante l'adolescenza – ha spiegato Heather Cleland Woods – la vulnerabilità alla comparsa della depressione e dell'ansia può aumentare, e una cattiva qualità del sonno può dare il suo contributo.

Alla base del comportamento distorto,  le studiose  riscontrano soprattutto la tendenza da parte di molti giovani a rimanere sempre connessi per non perdersi nulla di quello che accade nel loro mondo virtuale, tanto da non essere in grado di lasciar passare troppo tempo prima di rispondere a un commento postato su facebook, piuttosto che a un messaggio ricevuto.

Oltre alla qualità del sonno, notevolmente indebolita dall’iperconnessione, sarebbero molti anche i rischi legati all’autostima dei più giovani, messa a dura prova da commenti poco simpatici o attacchi personali, amplificati dalla dimensione social.

Alla luce di queste considerazioni diventa quindi fondamentale l’intervento da parte dei genitori, se non altro per cercare di limitare l’uso che i figli adolescenti fanno dei social network nelle ore serali. L’ideale? Spegnere ogni connessione due ore prima di andare a dormire.

Foto Credit © fidelio - Fotolia.com

 

Per saperne di più

Una lettura utile potrebbe essere "It's complicated" di Boyd Danah che analizza l'impatto sociale e psicologico dei social sui ragazzi.

Genitori e bambini
SEGUICI