Prevenzione

Come prevenire la fragilità capillare

La fragilità capillare può causare couperose ed essere un campanello di allarme per problemi circolatori. Ecco come prevenirla a tavola

La fragilità capillare può causare couperose ed essere un campanello di allarme per problemi circolatori. Ecco come prevenirla a tavola

La carenza di vitamina può rendere i capillari fragili. Questi nel corpo umano sono circa 2 miliardi e nel loro insieme, coprono una lunghezza di circa 80.000 km. Tramite i capillari avvengono gli scambi di nutrienti, ormoni, anticorpi, gas e tutto quanto viene veicolato dal sangue.  E’ importante assumere le vitamine giuste per prevenire la fragilità capillare.
Quando i capillari sono fragili compaiono venuzze evidenti superficialmente, soprattutto su viso e gambe


Se riguarda il viso (couperose) la pelle è sensibile e si ha un arrossamento intenso di guance e ali del naso. Può essere un campanello d’allarme legato a una cattiva circolazione del sangue


Le origini della fragilità capillare sono molteplici:

  • variazioni ormonali, familiarità, carenze di vitamine e minerali, eccessiva esposizione solare ma anche emotività, fumo, eccesso di zuccheri semplici nella dieta.
  • Si ricorda che con la pre e la menopausa, la fragilità, se presente, tende ad aumentare a causa delle variazioni ormonali
  • In presenza di questo disturbo, è importante fare scorta di vitamine e minerali per rafforzare le pareti dei capillari.

Ecco gli alimenti in grado di contrastare la fragilità capillare:

  • broccoli e cavoli sono particolarmente ricchi di vitamina C che rende i capillari più forti e sani
  • La vitamina E aiuta a ridurre le caldane e la sudorazione notturna (menopausa), a loro volta causa di fragilità capillare.
  • I flavonoidi ridonano elasticità ai capillari (si trovano nel tè verde e in molta frutta e verdura)
  • La dieta delle vitamine che cura i capillari migliorando la diuresi e la circolazione, prevede ortaggi freschi e di stagione
  • Pesce ricco di omega3 (acidi grassi  protettivi dei vasi sanguigni)
  • Ottimi gli alimenti ricchi di magnesio come alghe, soia, mandorle e banane
  • Spinaci, cime di rapa e sedano stimolano la produzione di collagene proteina fondamentale per la tonicità dei tessuti
  • Le fibre rafforzano i microvasi: scegliere prodotti integrali in grado di assicurare un minor assorbimento di zuccheri e grassi, mantenendo così il sangue e l’intestino più puliti, a vantaggio della rete di capillari
  • Gli agrumi e i kiwi sono farmaci naturali anti couperose. La buccia, se ben lavata, si può mangiare perché ricca di bioflavonoidi che, insieme alla vitamina C è un ottimo rimedio contro la fragilità capillare.
  • Si consiglia di bere molta acqua che consente di migliorare la diuresi ed eliminare le scorie che possono indebolire le pareti dei vasi sanguigni