Come fare una corretta prevenzione con la diagnosi precoce

Guida Guida

Con la diagnosi precoce si hanno maggiori possibilità di cure e quindi di guarigione. Ecco come fare una corretta prevenzione

Con la diagnosi precoce si hanno maggiori possibilità di cure e quindi di guarigione. Ecco come fare una corretta prevenzione
Ti potrebbero interessare

Oggi in Italia si ammalano di cancro circa 365.000 persone ogni anno. Evidenze scientifiche dimostrano che potremmo prevenire oltre il 50% dei tumori semplicemente modificando il nostro stile di vita e attuando in modo corretto la diagnosi precoce.

La prevenzione comprende tutte quelle attività che consentono di allontanare le cause di insorgenza della malattia.

  • Smettere di fumare aiuta a prevenire oltre il 30% dei tumori maligni
  • Privilegiare un’alimentazione corretta consentirebbe di prevenire un altro 30% (5 porzioni di frutta e verdura al giorno, più cereali integrali e legumi, meno zuccheri, meno grassi animali, meno alcool).

Possiamo aiutare il nostro organismo a proteggersi:

  • Evitando l’esposizione eccessiva al sole
  • Difendendosi dalle infezioni virali (Papilloma virus, epatite, aids), anche mediante l’attenzione all’igiene sessuale
  • Riducendo l’obesità e mantenendo il peso forma
  • Svolgendo regolare attività fisica

La diagnosi precoce consiste nel cogliere la malattia nella fase iniziale del suo sviluppo in modo da intervenire con tempestività. L’anticipazione diagnostica può dare maggiori e più consistenti possibilità di cure e quindi di guarigione.


Per questo è importante sottoporsi a dei controlli:

  • Per la mammella a partire dai 25 anni è bene fare l’autopalpazione e una visita clinica ogni anno con regolarità
  • E’ utile fare la mammografia (esame radiologico della mammella) per la prima volta a 40 anni e successivamente ogni anno associata all’ecografia su parere del medico
  • Per il collo dell’utero è importante fare il Pap test e HPV test a partire dall’inizio dell’attività sessuale
  • Su parere del medico è utile fare la colposcopia e l’ecotransvaginale. La prima è la visione ad ingrandimento del collo dell’utero e delle pareti vaginali, in particolare in seguito al riscontro di anomalie segnalate dal pap test. La seconda è l’esame dell’utero e delle ovaie attraverso ultrasuoni.
  • Per la cute è importante fare una visita clinica una volta all’anno per esplorare i nei con l’impiego del dermatoscopio

 

Photo credit: © detailblick - Fotolia.com

Per ulteriori informazioni, consultate il sito della LILT

Salute e benessere
SEGUICI