Cos'è la moxa (o moxibustione)

Domande Domande & Risposte

La moxa (o moxibustione o moxaterapia) è una tecnica orientale millenaria non invasiva che utilizza la pianta di artemisia, conosciuta anche come erba di San Giovanni, per alleviare i dolori muscolari e articolari, le contratture, le difficoltà digestive e i blocchi articolari.

Sebbene sia una pratica di origine cinese, il termine moxa deriva dal giapponese “moe” (bruciare) e “kusa” (erba) e letteralmente vuol dire “erba che brucia”. Il nome, dunque, si riferisce all’artemisia che, utilizzata sotto diverse forme, mediante il contatto diretto con il calore sprigiona le sue proprietà.

In Occidente la moxa è stata importata nel 1700 da alcuni commercianti olandesi che avevano frequenti scambi con l’Oriente. In Cina, tuttavia, ne esistono delle testimonianze che risalgono al II e I secolo a.C. Alcuni ritrovamenti archeologici, inoltre, hanno attestato che per questa terapia venivano utilizzati ramoscelli e foglie secche, carbone di legna, zolfo o bastoncini di avorio.

Oggi questo trattamento viene praticato utilizzando dei particolari bastoncini di artemisia (sigari) o dei coni specifici, a seconda della zona da trattare e del risultato che si vuole ottenere. La bruciatura permette di ottenere benefici sia a livello superficiale che profondo.

I principali risultati della moxa si ottengono trattando contratture muscolari, tensioni al collo o alle spalle, particolari blocchi digestivi e infiammazioni legate a liquidi trattenuti.

Questa pratica deve essere effettuata da un professionista, meglio se un terapeuta esperto di medicina tradizionale, e richiede una certa costanza. I sintomi, infatti, si riducono gradualmente, ma si deve agire contestualmente anche sulla causa interna scatenante.

Per ottenere benefici duraturi, la moxa deve essere applicata in specifici punti di agopuntura e lungo il percorso dei meridiani, trattando al tempo stesso anche la parte interessata dal disturbo.

Le tecniche utilizzate possono essere diverse: il terapeuta può passare il sigaro in movimento sulla zona interessata effettuando cerchi o linee, oppure può applicare direttamente i coni su una parte specifica.

CHIEDI A DEABYDAY
La riposta non ti soddisfa? Chiedi nuovamente a DeAbyDay
Chiedi
Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Salute e benessere
SEGUICI