Yerba mate: cosa accade al tuo organismo se la bevi tutti i giorni

Guida Guida

La yerba mate è una bevanda preparata con le foglie di una pianta nota per le sue proprietà medicinali. Scopri cosa può succedere se la bevi tutti i giorni! 

La yerba mate è una pianta da cui si ricava una bevanda molto popolare nei paesi del sud America, soprattutto in Brasile, Paraguay e Argentina.

Sempre più apprezzata anche in Europa, alla yerba mate vengono attribuite molte proprietà benefiche per l'organismo. Scopriamo di più.

Cos'è la yerba mate?

Chiamata anche Cimarron o erva mate, la Yerba Mate è una pianta tipica di alcuni paesi del sud America. Le sue foglie essiccate e poi messe in infusione sono utilizzate per preparare una bevanda leggermente amarognola, il Mate, le cui proprietà sono ormai apprezzate in molti paesi del mondo.

 

Yerba mate: le proprietà benefiche

La proprietà più apprezzata della Yerba mate è senza dubbio quella stimolante, utile contro la stanchezza sia fisica che mentale. Ottima da utilizzare al posto del caffè, la Yerba mate contiene infatti caffeina che, come sappiamo, regala all'organismo una diffusa senzazione di benessere ed energia. Il contenuto di caffeina contenuto in un infuso, tuttavia, è circa la metà di quello contenuto in una quantità affine di caffè: ecco perché il rischio di agitazione, nervosismo o tachicardia (spesso associato all'uso di caffè) risulta essere minore.

La yerba mate è quindi generalmente utilizzata per combattere i disagi generati dalla sindrome da stanchezza cronica, nonché in caso di problemi cardiovascolari come lo scompenso cardiaco, il battito irregolare e la pressione bassa.

Inoltre i prodotti a base di mate vengono a volte utilizzati contro la depressione e per migliorare l'umore, per alleviare mal di testa e dolori alle articolazioni, per trattare le infezioni delle vie urinarie, i calcoli alla vescica e quelli ai reni, per favorire la perdita di peso e come lassativi.

Ricca di polifenoli, la yerba mate è inoltre un potente antiossidante, capace di combattere l'invecchiamento e raffforzare le difese immunitarie.

Stando a una ricerca realizzata dall'università dell'Illinois, inoltre, le sostanze contenute in questa portentosa erba sudamericana sarebbero in grado di contrastare il tumore al colon, andando letteralmente a distruggere le cellule cancerose.

Quando si parla di Mate, inoltre, non si può non nominare il metabolismo: la yerba mate, infatti, stimola il metabolismo basale e aiuta il corpo a bruciare i grassi. Allato prezioso in caso di dieta dimagrante, il Mate contrasta anche il senso di fame, aiutandoci a non cadere in tentazione e mangiare fuori dai pasti.

mate

Foto Anna Ivanova © 123RF.com

 


La yerba mate fa male? I possibili effetti collaterali

Quando si parla di Yerba Mate, però, non bisogna trascurare i possibili rischi associati al suo utilizzo. Infatti anche se nella maggior parte dei casi il consumo a breve termine è considerato sicuro è importante ricordare che si tratta di una fonte di caffeina e che la caffeina può avere effetti collaterali come insonnia, nervosismo, nausea, vomito e problemi di stomaco, aumento della frequenza cardiaca e respiratoria, pressione alta, mal di testa e ronzii nelle orecchie.

Per questo il consumo prolungato (o in grandi quantità) di yerba mate è considerato potenzialmente pericoloso. Peraltro alcuni indizi suggeriscono che potrebbe aumentare anche il rischio di alcune forme tumorali (come quelle alla bocca, all'esofago, alla laringe, alla vescica e ai polmoni) soprattutto fra chi fuma o consuma alcolici. In questo ultimo caso, tuttavia, non è stato ancora reso noto se il rischio di cancro è imputabile alla bevanda in sé o alla temperatura dell'acqua con cui il mate si consuma.

Non mancano nemmeno alcune possibili controindicazioni. La yerba mate potrebbe infatti non essere indicata durante l'infanzia, la gravidanza e l'allattamento, in caso di alcolismo, ansia, disturbi emorragici, malattie cardiache, diabete, diarrea, sindrome del colon irritabili, glaucoma, pressione alta o osteoporosi, se si fuma e se si assumono alcuni farmaci, inclusi certi antibiotici e gli estrogeni.

Sembra quindi che sia meglio non esagerare con il suo consumo e chiedere un consiglio al proprio medico sia in presenza di particolari condizioni di salute sia se si assumono dei farmaci.

Yerba mate: quante volte al giorno si può bere?

Per evitare i più comuni effetti collaterali derivanti dal consumo di Yerba mate, è bene non superare le 2-3 tazze al giorno, da consumare a temperature non troppo elevate.


Foto: © monticellllo – Fotolia.com
Fonte: MedlinePlus, Pubmed

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Salute e benessere
SEGUICI