Basilico: perché è una pianta curativa

Guida Guida

Il basilico è una pianta curativa dalle innumerevoli proprietà benefiche. Ricca anche di vitamina K e manganese, trova ampio impiego in cucina.  

Il basilico è una pianta curativa dalle innumerevoli proprietà benefiche. Ricca anche di vitamina K e manganese, trova ampio impiego in cucina.  
Ti potrebbero interessare

Il basilico (il cui nome scientifico è Ocimum basilicum) è una pianta che appartiene alla famiglia delle Lamiaceae, come la menta piperita. In natura ne esistono 60 specie e il termine basilico deriva dal greco basilikon, che letteralmente significa pianta maestosa.

Le foglie di questa erba sono di un colore verde intenso, delicate, aromatiche e profumate. Ricca di vitamina K e manganese, è una pianta curativa, nonché un antinfiammatorio e un antiossidante naturale.

La pianta del basilico nella storia

Nell’antichità il basilico era considerato una pianta nobile e sacra. In India, ad esempio, era anche emblema di referenza e simbolo di ospitalità.

Egiziani e greci utilizzavano quest’erba per le imbalsamazioni dei propri defunti, quale buon auspicio per l’aldilà.

I cinesi e gli arabi, inoltre, ricorrevano al basilico anche a scopo medicinale. Senza contare che, durante le crociate, le navi venivano cosparse di tale pianta per tenere lontano insetti, acari e cattivi odori.

Tutte le proprietà del basilico

Oltre ad essere ricco di vitamina K e manganese, il basilico apporta all’organismo anche rame, vitamina C, calcio, omega 3 e acido folico.

Ha anche proprietà antibatteriche, antinfiammatorie, aiuta a prevenire l’insorgenza dell’artrite reumatoide, così come l’infiammazione intestinale. Apporta vitamina A, beta-carotene, magnesio ed è un vero toccasana per i disturbi cardiovascolari.

Il basilico in cucina

Questa pianta aromatica trova ampio impiego in cucina. Dal momento che ne esistono molte varietà, ognuna ha caratteristiche ed utilizzi differenti. Il basilico genovese, ad esempio, è indicato per la preparazione del pesto.

Quello thailandese, invece, ha un aroma più intenso. Il basilico sacro indiano è delicato, quello rosso è leggermente piccante, la variante messicana ha un aroma simile alla cannella.

Infuso di basilico: perché fa bene alla salute

L’infuso al basilico è una bevanda ideale per sgonfiare la pancia. Altamente digestivo e detossinante, si può preparare lasciando in infusione 10 foglie di basilico in un pentolino di acqua bollente.

Una tisana di questo tipo, inoltre, è indicata anche in caso di dolori articolari e reumatici, tensioni, malattie da raffreddamento e patologie a carico della pelle.


Basilico: le controindicazioni

È bene preferire il consumo del basilico fresco, dal momento che le foglie essiccate possono sviluppare l’estrangolo, una particolare sostanza che può diventare tossica.

Un’assunzione abituale di questa pianta, inoltre, può essere sconsigliata durante la gestazione e in soggetti allergici o epilettici. Se si temono controindicazioni, quindi, è bene consultare il proprio medico di fiducia per un parere professionale.

Foto apertura: fascinadora - 123RF

Salute e benessere
SEGUICI