Preservativo femminile: tutto quello che devi sapere

Guida Guida

Cos’è il preservativo femminile, come si usa, dove si compra, quali sono i suoi vantaggi e quali gli svantaggi.  

Cos’è il preservativo femminile, come si usa, dove si compra, quali sono i suoi vantaggi e quali gli svantaggi.  
Ti potrebbero interessare

Forse ad alcune di noi sarà capitato di immaginarne l’esistenza, soprattutto nelle civiltà più evolute che popolano le nostre menti: un condom femminile che possimo indossare direttamente noi, evitando così di dover sottostare alla regola del “non sento niente/sono anni che non lo uso”. 

Il preservativo femminile esiste davvero, solo che in Italia è ancora poco conosciuto e le perplessità sulla sua affidabilità e sicurezza non si sono fatte mancare. Per questo abbiamo raccolto alcune informazioni in merito per capire insieme cos’è, come si usa, dove è possibile acquistarlo, se è sicuro, e quali sono i vantaggi e gli svantaggi che derivano dal suo utilizzo.

Cos’è il preservativo femminile

Il preservativo femminile - chiamato Femidom ® dal nome del brand che lo ha creato - è un contraccettivo barriera e non ormonale che viene indossato direttamente dalla donna. La sua forma potrebbe ricordare quella del preservativo maschile: la lunghezza della guaina è più o meno la stessa, ma il diametro è maggiore. La guaina del preservativo femminile può essere realizzata in nitrile sintetico, poliuterano oppure in lattice: è lunga circa 17 centimetri e larga 5 centimetri, ed è delimitata da due anelli, uno chiuso ermeticamente e uno aperto, in quanto è quello che ospiterà il pene in erezione.

Come si usa il preservativo femminile
 

L’anello interno va inserito in vagina: si posizionerà in modo naturale dietro l’osso pubico. L’anello esterno, invece, resta al di fuori della vagina in modo tale da consentire l’ingresso del pene. La membrana impermeabile serve a raccogliere lo sperma, esattamente come succede per il preservativo maschile.
Prima di applicare il profilattico, si consiglia di:

  • lavare con cura le mani;
  • aprire la confezione senza utilizzare forbici o lamette, altrimenti c’è il rischio di rompere il preservativo;
  • trovare la posizione più comoda per inserirlo: si consiglia di stare in piedi con le ginocchia piegate, oppure sedute sul water;
  • il preservativo potrà essere rimosso sfilandolo con delicatezza verso l’esterno.

Il preservativo femminile è monouso, non è lavabile: deve essere gettato dopo l’utilizzo, ma non nel WC. Non deve essere utilizzato assieme al preservativo maschile.
 

Dove comprare il preservativo femminile
 

Il preservativo femminile può essere utilizzato da tutte le donne sessualmente attive, che non siano allergiche ai materiali con i quali è realizzato. Va bene sia per le donne che hanno partorito sia per quelle che sono allergiche alle sostanze contenute nei contraccettivi ormonali. Può essere acquistato in farmacia, ma è molto probabile che lo si debba ordinare in quanto a causa delle scarse richieste attuali non è detto che sia disponibile. L’acquisto online è invece più semplice e immediato.

Il preservativo femminile è sicuro?
 

Il preservativo femminile rientra fra i metodi contraccettivi sicuri: ha ottenuto l’autorizzazione da parte della Food and Drug Administration e, nonostante sia stato diffuso in Italia solo da poco tempo, è commercializzato in Europa dal 1993. Essendo un contraccettivo barriera riesce nello stesso tempo a proteggere dalle gravidanze indesiderate, impedendo allo spermatozoo di entrare a contatto diretto con la cellula uovo, e dalle malattie sessualmente trasmissibili, quali clamidia, gonorrea, candidosi, condilomi, AIDS, e così via.

Preservativo femminile: vantaggi e svantaggi
 

Tra i vantaggi principali derivanti dall’utilizzo del preservativo femminile, c’è il fatto che può essere inserito in vagina diverse ore prima del rapporto sessuale. In più non necessita di prescrizione medica, che è invece necessaria nel caso dei contraccettivi ormonali. Il costo è basso, il prodotto è ipoallergenico e può essere utilizzato anche in gravidanza e durante il ciclo mestruale. Lo si può inoltre usato assieme a un lubrificante, facendo attenzione a non scegliere un gel a base oleosa qualora il prodotto fosse in lattice. 

Per quanto riguarda gli eventuali svantaggi legati all’utilizzo del condom femminile, bisogna cercare di essere molto attente nell’inserimento, per avere la certezza di essere protette. Il lubrificante che riveste il preservativo può, inoltre, risultare appiccicoso e l’intero rapporto sessuale potrebbe essere accompagnato da un leggero ronzio dovuto al contatto con la pelle. 

Foto apertura: plepraisaeng - 123.RF

Amore e coppia
SEGUICI