Come sposarsi risparmiando in tempo di crisi (terza parte)

Guida Guida

Ecco dieci consigli per sposarsi senza rinunciare ad un matrimonio da sogno

Ecco dieci consigli per sposarsi senza rinunciare ad un matrimonio da sogno

Risparmiare sui costi del matrimonio non è impossibile. Ecco alcuni consigli per sposarsi in tempo di crisi

Un matrimonio non è la riunione dell’albero genealogico di tutta la famiglia; gli sposi hanno il diritto di invitare chi desiderano perché la festa è la loro.

  • Per questo potrebbe essere utile, in tempo di crisi, ridurre gli invitati a soli amici e parenti stretti: spesso si invitano zii e cugini che neppure si sapeva di avere
  • Per il ricevimento, anziché il pranzo, si può optare per un ricco buffet o un happy hour. Per chi non vuole rinunciare a pranzo o cena tradizionali, si può tentare si svecchiarli un po’ con formule più light (es. pranzo misto seduto e a buffet)
  • Per l’abito da sposa si può risparmiare fino al 70%: negli outlet si trovano le collezioni degli anni precedenti e spesso sono in vendita molti abiti nuovi, magari rimasti invenduti.
  • Scegliere un giorno infrasettimanale per il matrimonio può essere utile perché si rischia meno di trovare location e chiese occupate e l’affitto richiesto durante la settimana è inferiore rispetto al weekend
  • Non bisogna rinunciare per forza al viaggio di nozze: per risparmiare gli sposi possono inserirlo nella lista nozze e farselo regalare
  • Fiori. Per addobbare la chiesa si possono utilizzare tanti nastri al posto delle composizioni floreali e al posto dei fiori recisi, dove possibile, usare le piante
  • Per il servizio fotografico si può chiedere agli amici: la spesa sarà sicuramente ridotta considerando un album con 50 foto e un video con i momenti salienti (circa 30 minuti). Molte volte il servizio fotografico può diventare un regalo di nozze
  • Sempre più coppie rinunciano alle bomboniere, considerate poco utili e scomode. Al loro posto la tendenza attuale prevede una degustazione di confetti dopo il ricevimento
  • Si può risparmiare anche per le fedi. Come? Facendole realizzare da un orafo. Così gli sposi possono anche disegnarli loro stessi
  • Se ci sposa in chiesa si può chiedere al prete per la musica: avrà un organista di fiducia…e magari anche il coro. Per il ricevimento, invece, si può chiedere sempre agli amici di suonare.

 Leggete anche la prima e la seconda parte di questa guida.

Fonte: matrimonio.it

Amore e coppia
SEGUICI