Vernice lavagna, un'idea originale per decorare casa

Guida Guida

Bastano due mani di vernice per rivoluzionare un ambiente e dare sfoggio di tutta la propria creatività: ecco cos'è la pittura lavagna.

Con l’arrivo dell’autunno e della stagione più fredda si torna a trascorrere lunghe ore tra le pareti di casa, e spesso sale la voglia di rinnovare gli ambienti, magari ridipingendo i muri. Conseguenza diretta, la ricerca di nuove idee per arredare in modo originale senza spendere un capitale e riuscendo allo stesso tempo a rivoluzionare l’aspetto della nostra casa. Perché non puntare, allora, sulla vernice lavagna?

Cosa è la vernice lavagna

Particolarmente apprezzata da architetti e decoratori per la sua versatilità, la vernice lavagna è uno speciale tipo di pittura effetto lavagna che trasforma, appunto, la parete su cui è applicata in un fac-simile della tavola onnipresente nelle scuole.

L’applicazione della pittura effetto lavagna consente così di annotare pensieri e parole, fare schizzi e disegni e lasciare scorrere la creatività direttamente sulle mura di casa: sono sufficienti due passate, e sulla parete color ardesia si può lasciar correre la fantasia certi di aver puntato su un arredo originale e divertente.

Spesso impiegata come lavagna da cucina per segnare la lista della spesa e personalizzare la stanza più vissuta della casa, può essere utile anche nell’angolo studio per annotare appunti e osservazioni direttamente sul muro e averli sempre davanti agli occhi, regalando alla stanza una ventata di originalità.

Pittura lavagna: come si applica e come si pulisce

La pittura lavagna va applicata con un rullo a gommino o a pelo corto su una parete precedentemente trattata con acrilico. Sono necessarie minimo due mani, da lasciar asciugare almeno 6 ore, e una volta asciutte è possibile sbizzarrirsi. Per pulire la vernice lavagna, poi, è sufficiente un panno morbido, magari leggermente inumidito con acqua se le scritte sono particolarmente resistenti.

vernice lavagna

Foto: Katarzyna Białasiewicz © 123RF.com

Vernice lavagna fai da te

La pittura effetto lavagna si è rapidamente guadagnato un posto d’onore tra i modi originali e divertenti per arredare casa. Il costo a barattolo, però, non è poi così economico, e se la parete da dipingere è molto grande si può prendere in considerazione l’idea di realizzarla da sé.

I materiali e gli utensili necessari sono:

  • Stucco non levigato
  • Pittura a base di lattice (del colore preferito)
  • Contenitore
  • Pennello o rullo
  • Trapano miscelatore per vernici

Come preparare la pittura effetto lavagna

Una volta dosati i materiali - 1 parte di stucco levigato per 8 parti di pittura - tenete conto del fatto che per ottenere una piccola quantità di pittura effetto lavagna sono necessari 15 ml di stucco e 250 ml di pittura a base di lattice, da mescolare attentamente con il trapano miscelatore per evitare grumi.

Aumentate le quantità a seconda della grandezza della parete che dovete dipingere (o del mobile, visto che è possibile trasformare anche i mobili in piccole lavagne) e applicatela con il rullo o il pennello.

Pro e contro della vernice lavagna

Tra i pro della vernice lavagna c’è il fatto che sia un’idea di arredo originale, divertente e soprattutto a portata di tutti. Inizialmente disponibile solo in nero, adesso è in commercio in tanti altri colori, dal verde al rossa passando per i pastelli, in modo da andare incontro alle esigenze di tutti. La vernice lavagna, inoltre, è l’ideale se in casa si hanno bambini con la passione per il disegno: basta dare loro gessetti colorati, e potrete farli felici dandogli il permesso (addirittura) di disegnare sui muri.

Tra i contro, invece, c’è la composizione di alcune pitture effetto lavagna, che potrebbero contenere ossido di ferro, una sostanza che con il passare degli anni può rilasciare nell’aria polveri dannose per la salute. Fondamentale dunque controllare la composizione di ogni singolo barattolo.

La vernice lavagna, inoltre, contrariamente a una lavagna vera e propria o a un quadro, non può essere facilmente sostituita: per eliminarla è necessario ridipingere i muri, operazione che comporta uno sforzo decisamente maggiore. Attenzione, inoltre, a luci e spazi: una parete interamente nera riduce visivamente l'ampiezza di una stanza e tende ad assorbire la luce.

Foto di apertura: Katarzyna Białasiewicz

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Casa e fai da te
SEGUICI