Gestione e risparmio

Cosa sono le categorie catastali?

Introdotte con il regio decreto legge n. 652 del 1939, convertito poi in legge 11 agosto 1939, n. 1249, le categorie catastali sono dei simboli che servono a classificare i beni immobili a seconda della loro destinazione d’uso.

In base alla classificazione delle unità immobiliari urbane, si riescono a determinare le rendite catastali, indispensabili per capire il valore da imporre per il pagamento delle tasse come ad esempio le imposte sulle successioni o quelle sulla prima casa.

Le categorie catastali sono molte, per il momento ne esistono di due tipi differenti, cioè quelle che comprendono gli immobili a destinazione ordinaria e quelle che includono invece gli immobili a destinazione speciale o particolare.

Ogni categoria catastale è poi suddivisa in gruppi, identificabili con lettere dell’alfabeto.

Nella categoria degli immobili a destinazione ordinaria sono compresi i gruppi A, B e C. Nella categoria degli immobili a destinazione speciale o particolare sono compresi il gruppo D , il gruppo E ed F.

Foto: everythingpossible / 123RF Archivio Fotografico