Come archiviare fatture, bollette e ricevute

Guida Guida

Consigli utili su come archiviare bollette, fatture, ricevute e per quanto tempo conviene conservarle. 

Ti sarà certo capitato di non riuscire a trovare una bolletta o una ricevuta proprio nel momento in cui più ti serviva e perdere un sacco di tempo a cercarla: per evitare di ritrovarti in una situazione del genere l’unica cosa da fare è tenere in ordine bollette, fatture e ricevute.

Innanzitutto smista le carte in base alla loro categoria, creando dei sottogruppi: ad esempio metti insieme tutte le bollette di acqua, luce, gas, telefono, gli scontrini e così via. Procurati delle cartelline di plastica trasparenti, etichettale e conservale in un faldone grande ad anelli: all’interno di ogni cartellina sistema le ricevute in ordine cronologico crescente, in modo da avere a portata di mano i documenti più recenti.

Tieni il faldone sempre nello stesso posto, in un cassetto o su un ripiano della libreria, e quando paghi una bolletta o hai una nuova ricevuta inseriscila immediatamente nella cartellina corrispondente.

Periodicamente butta le ricevute più vecchie ma tieni presente che non tutti i documenti hanno il medesimo termine di scadenza: ad esempio le fatture di gas, luce, acqua e telefono vanno conservate per 5 anni come pure le buste paga e le rate di versamento del mutuo. Le ricevute del canone Rai vanno conservate per 10 anni mentre gli scontrini e le ricevute di garanzia per l’acquisto di prodotti durano due anni.

Polizze
, affitti e ricevute di spese condominiali vanno conservate per cinque anni se si è in affitto, mentre se si è proprietari vanno tenute per dieci anni. I contratti di locazione vanno conservati per un anno oltre la data di scadenza mentre le multe per 5 anni dalla notifica, ma se sono state fatte direttamente dai Vigili Urbani possono essere tenute solo per 2 anni.

Fai attenzione allo stato di conservazione di tutti i documenti: le cartelline di plastica vanno tenute in un ambiente fresco e asciutto, lontano da raggi solari diretti. Controlla periodicamente lo stato di conservazione degli scontrini, perché sono fatti con un tipo di carta che tende facilmente a sbiadire.
 

photo fatture clienti via photopin.com

Un posto, tanti documenti

Usa lo stesso cassetto per conservare anche documenti come referti e analisi mediche, carte d'identità, certificati di nascita, tessere sanitarie, diplomi e pagelle scolastiche. 

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Casa e fai da te
SEGUICI