I 5 principi base dell’orto sinergico

Classifica Classifica

In un orto sinergico di rado le piante si ammalano o sono preda di insetti: ecco i principi cardine da seguire per realizzarne uno. 

L’agricoltura sinergica si allontana molto dalla tradizionale agricoltura perché è fatta soprattutto di osservazione e attenzione alle piccole cose. In un orto sinergico non si fa ricorso ad alcun prodotto chimico o ad alcuna azione meccanica perché, lasciando fare alla natura, si raggiunge un equilibrio perfetto. Ecco quali sono le regole d’oro da tenere sempre a mente se si intende realizzare un orto sinergico.

5.Terreno

Foto @www.federalismi.it

Il terreno non va lavorato: la terra viene smossa attraverso la penetrazione delle radici, l’attività di microrganismi, lombrichi, insetti e piccoli animali.

4. Erbe infestanti

Credit @www.pollicegreen.com

Non si deve effettuare nessun diserbo, né manuale né chimico: le erbe infestanti non vanno eliminate ma controllate ricorrendo alla presenza di animali come capre che brucano l’erba o ricorrendo ad altre piante come il trifoglio e le crucifere spontanee.

3. Nessun fertilizzante

Credit @www.pollicegreen.com

Non si utilizza nessun fertilizzante chimico ma solo compost, quando è necessario: il suolo, lasciato a sé stesso, mantiene e aumenta la propria fertilità.

2. Nessun pesticida

Credit @www.giardinaggio.it

Non si deve impiegare nessun pesticida, neppure ecologico o biologico come il macerato o il decotto d’aglio: insetti e funghi non devono essere combattuti neanche con insetti predatori come le coccinelle perché si arriverebbe a uno squilibrio biologico.

1. Consociazioni

Credit @casa.atuttonet.it

In un orto sinergico si devono effettuare delle consociazioni per aumentare le proprietà organolettiche del raccolto: ad esempio il pomodoro va coltivato vicino al basilico, così diventa più saporito, come pure la carota se coltivata vicino alla cipolla diventa più dolce.
 

Casa e fai da te
SEGUICI