Come coltivare l'anemone

Guida Guida

Ecco dei fiori colorati per il tuo giardino o balcone: le anemone!  

Sono ben 150 le specie che contraddistinguono l'anemone, divise principalmente tra quelle a fioritura estiva/autunnale e quelle a fioritura primaverile.
Ideale per le aiuole, con i suoi fusti ramificati, questa pianta varia, per specie, da dimensioni di 95 centimetri massimo, fino ad un minimo di 15-20. I fiori, rosa, violetti, bianchi o rossi possono molti piccoli petali o meno ma più grandi. Ecco come coltivare l'anemone in pochi semplici passi.

Il terreno acido è molto importante


Questa pianta predilige i terreni acidi in esterno, sia in vaso che in aiuola o per giardini rocciosi. Le specie che fioriscono d'estate/autunno, vanno piantate tra ottobre e marzo, le altre, tra settembre e ottobre, tutte ad una profondità di minimo 3 massimo 5 centimetri.

La mezz'ombra è la zona ideale dove piantarla, anche se quelle primaverili vivono benissimo anche in pieno sole.

Non hanno una grande resistenza alle temperature troppo alte o troppo basse, quindi l'ideale è una range tra i 14 ed i 20 °C.

E' importante che il terreno sia ben drenato, ma deve mantenere una buona umidità, evitando i ristagni d'acqua.

Attenzione anche alle malattie, molto frequenti per queste piante: le virosi intaccano le foglie e ritardano lo sviluppo della pianta, per questo bisogna controllare che i rizomi siano sani e, soprattutto, la presenza di acari e afidi.

Anche la ruggine è molto pericolosa, formando pustole e bloccando la crescita dell'anemone: combattetela con gli appositi prodotti antiruggine.

Trai parassiti animali, i più fastidiosi sono i nematodi che attaccano le radici e le foglie: con gli insetticidi non avrete questo problema.

Buon giardinaggio!
 

Condizioni perfette

Evitate rizomi secchi, date le molte malattie che possono colpire il fiore, sceglietene subito uno perfettamente sano
 

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Casa e fai da te
SEGUICI