Come coltivare l'althaea

Guida Guida

Grossi fiori multicolore per il tuo giardino: l'althaea.  

Grandi spighe dai fiori colorati (gialli, arancioni, rosa, rossi) caratterizzano l'althaea, divisa per una dozzina di specie biennali o perenni. Ottima come ornamento, questa pianta va da una grandezza massima di 3 metri circa fino ad un minimo di 2. Vediamo come coltivare l'althaea, per un giardino da favola!

Coltivabili in esterno in piena terra (che deve essere argillosa, fertile e fresca), vanno piantate con l'aggiunta di sostanza organica matura o concime chimico complesso a basso contenuto di azoto, in modo che si sviluppino forti e sane.

L'importanza del sole


E' utile, inoltre, un'irrigazione ogni due settimane con l'aggiunta di fertilizzante, per dare forza alla pianta. L'althaea va piantata a circa 35 centimetri l'una dall'altra, applicando un sostegno a quelle più alte. In autunno, per le specie biennali e perenni, è importante recidere i fusti a circa 10/15 centimetri dal terreno.

Il pieno sole è molto apprezzato, quindi è la scelta giusta per la posizione: infatti, è nota la resistenza alle alte temperature (ma anche basse, salvo inverno troppo rigidi, in quel caso serve una protezione con paglia a foglie).

Vanno bagnate con abbondanza, soprattutto nei periodi di maggiore siccità. E', inoltre, importante eliminare le foglie ed i fiori appassiti.

Le pustole indicano la presenza di ruggine che danneggia la pianta irreversibilmente. Attenzione anche alle larve di coleotteri, da combattere con appositi insetticidi.
 

No a marciume o ruggine

Controllate bene che non ci siano segni di marciume o ruggine.
 

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Casa e fai da te
SEGUICI