Come preparare le pareti prima di piastrellare

Guida Guida

Piastrellare una stanza significa progettare ogni fase del lavoro, dalla posa alla preparazione delle pareti. Ecco tutte le regole da seguire per svolgere un lavoro ben fatto.

Prima di iniziare ad applicare le piastrelle in una stanza è indispensabile progettare ogni fase del lavoro: la pianificazione della posa è la parte più importante ma anche la preparazione delle pareti è altrettanto decisiva. Ecco le principali regole da seguire.

Affinché le piastrelle aderiscano bene alle pareti è necessario staccare la tappezzeria e carteggiare le superfici tinteggiate con carta vetrata a grana grossa, in alcuni casi potrebbe anche essere indispensabile rimuovere la vernice.

Per verificare se le pareti tinteggiate possano o meno essere piastrellate prova ad applicare del nastro adesivo su una zona per almeno una notte intera, poi il giorno successivo, stacca il nastro: se la pittura viene via insieme allo scotch, significa che dovrai asportarla totalmente prima di iniziare a piastrellarla, altrimenti rischierai di vedere le tue piastrelle distaccarsi nel tempo.

Le pareti vanno poi lavate con un detergente e stuccate nei punti in cui ricompaiono crepe e fori.

Una volta preparate le pareti devi passare alla pianificazione della posa delle piastrelle: fare questa operazione su una parete priva di porte e finestre è facile, ma in presenza di queste e altri ostacoli, le cose si complicano perché forse occorrerà tagliare alcune piastrelle intere.

Costruisci un misuratore con un listello di legno morbido, lungo almeno un metro e allinea le piastrelle su una superficie piana in modo da segnare a matita le loro larghezze lungo il listello.

Appoggia poi il listello in orizzontale contro la parete: centrando il listello ti accorgerai che probabilmente dovrai tagliare alcune piastrelle. Ripeti poi la stessa operazione di misurazione in senso verticale, in questo modo saprai quante piastrelle ti serviranno sia per una fila orizzontale che per una verticale.

Per trovare la quantità totale di piastrelle ti basterà moltiplicare il numero di piastrelle di una colonna con il numero di piastrelle della fila orizzontale.

Calcola le piastrelle tagliate come se fossero intere e prevedi l’acquisto anche di un certo numero di piastrelle extra in caso di eventuali rotture. Cerca infine di procurarti dell’adesivo per piastrelle di buona qualità e della malta per ricoprire le fughe.

Al termine del lavoro conserva almeno una dozzina di piastrelle ti serviranno per eventuali sostituzioni in caso se ne rompesse qualcuna o nel caso dovesse capitare di effettuare riparazioni a tubature o fili elettrici nascosti nella parete che comportano l’asportazione di parte delle piastrelle.

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Casa e fai da te
SEGUICI