Come scegliere le piastrelle per pavimenti pratici e sicuri

Guida Guida

La scelta delle piastrelle non si deve basare solo su fattori estetici ma anche su caratteristiche relative a resistenza e sicurezza. Scegli quelle giuste!

Se sei in procinto di scegliere il pavimento per la tua nuova casa o se sei in fase di ristrutturazione, prendi in considerazione pavimentazioni realizzate in piastrelle: il mercato offre prodotti davvero eccezionali.

Le nuove tipologie di piastrelle sono più sottili e più resistenti rispetto a quelle del passato: caratterizzate da decori unici sono in grado di garantire una pavimentazione elegante, pratica e sicura

Le forme più diffuse sono il quadrato e il rettangolo anche se esistono anche altri formati che però vanno di meno. Le dimensioni variano da pochi centimetri a oltre mezzo metro per lato e lo spessore può variare da 3 mm ai 2 cm, generalmente si tende a scegliere uno spessore di 8 o 10 mm.

La superficie delle piastrelle può essere smaltata oppure non smaltata: nel primo caso un sottile strato di materiale vetroso ricopre il supporto mentre nel secondo caso non vi è alcuna differenza tra superficie e supporto.

Le piastrelle non smaltate possono presentare un aspetto diverso a seconda del trattamento a cui vengono sottoposte e risultare quindi levigate, semilevigate o lappate, cioè aver un aspetto vissuto.

Il supporto, ovvero il corpo della piastrella, può essere poroso oppure compatto e quindi assorbire più o meno acqua: questo è uno dei criteri che consente di classificare il tipo di piastrella oltre al metodo con cui si forma il supporto.

Un altro criterio di classificazione della qualità delle piastrelle è la resistenza all’abrasione, vale a dire la resistenza che la superficie della piastrella oppone all’usura causata dal contatto con vari materiali come le suole delle scarpe, i mobili, le sedie, e anche i detergenti per l’igiene.

L’abrasione può determinare due tipi di effetto sulla piastrella ovvero asportare e alterare la superficie oppure modificare le caratteristiche estetiche come il colore o la lucentezza

L’abrasione può così determinare l’indebolimento strutturale della superficie favorendo l’insorgenza di fessurazioni che espongono la piastrella a sporco e umidità.

La caratteristica forse più importante è però la resistenza della piastrella allo scivolamento perché una pavimentazione scivolosa rappresenta un potenziale rischio di cadute e infortuni, per cui le piastrelle vengono classificate soprattutto in base a tale aspetto.

Foto © Spectral-Design - Fotolia.com

Le piastrelle più resistenti

Per ambienti dove i passaggi di carrelli o altri mezzi sono particolarmente insistenti si consiglia l’uso di piastrelle in gres porcellanato non smaltato.
 

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Casa e fai da te
SEGUICI