Altri animali

Tutto sul coniglio ariete: aspetto, dimensioni e carattere

Il coniglio ariete è un animale da compagnia sempre più apprezzato. Ecco tutto quello che dovresti sapere prima di adottarne uno.

Il coniglio ariete è un animale da compagnia sempre più apprezzato. Ecco tutto quello che dovresti sapere prima di adottarne uno.

Il coniglio ariete è il perfetto animale da compagnia.

Dolcissimo, morbidoso e adatto a case con bambini o persone anziane: difficile resistere al fascino di questo animaletto coccoloso, dalle orecchie lunghe e l’aspetto di un piccolo peluche. Ma quali sono le caratteristiche di questa specie animale? Vediamole insieme.

Chi è il coniglio ariete

Il coniglio ariete è una delle specie più antiche di conigli domestici. Secondo alcune testimonianze storiche, questo simpatico animaletto era già molto diffuso in epoca vittoriana in Inghilterra e successivamente sbarcò in Francia dove nacque la varietà francese in seguito all’accoppiamento con un coniglio fiammingo gigante.

Nel 1949, l’allevatore Adrian DeCock cominciò a lavorare su una nuova varietà di coniglio ariete più piccolo, incrociando gli arieti francesi con i nani olandesi. Dai suoi esperimenti nacque ufficialmente il coniglio ariete nano nel 1964.

Seppur diffuso in tante case europee, il coniglio ariete arrivò oltreoceano solo intorno al 1970, cominciando il suo lavoro di conquista dei cuori di numerose famiglie statunitensi.
Ad oggi, il coniglio ariete è sicuramente la scelta migliore per chi ha una famiglia numerosa, bambini e altri animali da compagnia compresi.

Caratteristiche fisiche

Le lunghe orecchie del coniglio ariete sono sicuramente la prima caratteristica che salta all’occhio (e che lo rendono tanto puccioso). Cadendo penzolanti ai lati della testa, le particolari orecchie spiegano anche perché questa varietà prenda il nome di ariete, dato che risultano molto simili a quelle del maschio della pecora.

Curiosità: il coniglio ariete in realtà nasce con le orecchie erette. Queste con la crescita si allungano e diventano più pesanti fino a cadere.

Altre caratteristiche fisiche da evidenziare sono le dimensioni. Anche da adulto, il coniglio ariete può arrivare al massimo ad un peso compreso tra i 5 ed i 7 chili di morbidezza, mentre le femmine tendono a restare più piccole. Queste ultime hanno anche la giogaia: un ammasso di pelle della gola che, tra le altre cose, le differenzia dai maschietti.

Comportamento

Il coniglio ariete è un animale molto vispo ed intelligente, al contrario di quello che potrebbe trasmettere con il suo sguardo. Poiché è molto curioso, ama tantissimo scoprire tutto quello che c’è intorno a sé e adora la compagnia, soprattutto degli amici umani o dei suoi simili, prediligendo il sesso opposto.

Conoscerne il comportamento è molto importante, poiché è la base per una convivenza pacifica e felice.

Per esempio, quando si alza sulle zampe sollevando il corpo, e la coda si irrigidisce, è probabile che il coniglio sia nervoso o concentrato. Invece, quando si sdraia a terra rilassando anche le zampe, nella maggior parte dei casi desidera riposare senza essere disturbato.

I conigli sono abituati a scavare e rosicchiare qualsiasi cosa. Si tratta di comportamenti naturali, quindi è necessario fornire al tuo nuovo amico peloso degli accessori che gli permettano di farlo. Questo ti consentirà di salvare la mobilia di casa e soprattutto i cavi della corrente.

Tipologie di coniglio ariete

L’American Rabbit Breeders Association ha riconosciuto 4 differenti varietà di coniglio ariete, che si differenziano tra loro soprattutto per le dimensioni.

Coniglio ariete nano

Conosciuto come Holland Lop, dato che venne selezionato per la prima volta in Olanda, questa varietà nasce da diversi incroci tra coniglio ariete francese e inglese con i coniglietti nani. Il peso è compreso tra 1,5 e 2 kg e la pelliccia è molto folta, con un pelo di lunghezza media.
Le sue orecchie sono lunghe dai 24 ai 28 cm e formano una caratteristica corona all’attaccatura.

coniglio ariete nano

Coniglio ariete piccolo

Il Mini Lop è una varietà presente soprattutto negli Stati Uniti ed è ancora poco diffusa in Europa. Non si differenzia molto dal coniglio ariete nano, se non per il suo peso che si aggira intorno ai 3 kg.

Coniglio ariete medio

Il coniglio ariete medio ha la caratteristica di vantare le orecchie più lunghe tra le razze di conigli ariete. Il suo peso non supera quasi mai i 5 kg e ha una corporatura snella e slanciata.

Coniglio ariete gigante

Il coniglio ariete gigante ha un peso che può variare dai 5 ai 7 kg e ha un pelo molto più folto rispetto agli altri. La sua conformazione fisica è molto massiccia e il cranio ha una forma più larga.

Le colorazioni del pelo

In natura esistono diverse varietà di colori: dal bianco al grigio, ma anche diverse tonalità di marrone. I conigli nani ariete blu Vienna, insieme a quelli di colore fata perlato, sono tra i più apprezzati e particolari. Il colore è sicuramente uno dei fattori che possono influenzare il prezzo del coniglio ariete, poiché ne denota la particolarità.

Alimentazione

I conigli ariete sono molto golosi e tendono ad ingrassare facilmente (metabolismo lento, do you know?). Come per qualsiasi animale da compagnia, il consiglio è quello di limitarti a dargli la pappa senza sgarri, magari razionando in più pasti la dose giornaliera per favorire la digestione.

Cosa può mangiare

Il coniglio ariete è erbivoro. Questo significa che nella sua dieta non devono esistere cibi di origine animale. Fieno, erba, alimenti appositi a base di semi vegetali, frutta e verdura fresca verranno molto apprezzati.

coniglio ariete alimentazione

Pellet e uvetta sono snack che si possono tenere sempre a portata di mano come rinforzo positivo, ma puoi anche dargli dei biscottini appositi per stuzzicare l’appetito e aiutarlo a tenere allenati i suoi dentini da rosicchione.

I cibi da evitare

Tra i cibi da evitare assolutamente troviamo tutti quelli di origine animale. Assolutamente no alla carne, ma sono assolutamente vietati anche altri alimenti come pesce, formaggi, cioccolato, yogurt, aglio, cipolla, melanzane, patate e peperoncini.

Non ti far intenerire da quello sguardo da coniglietto che non mangia da 3 mesi. Con una foglia di insalata ti assicuriamo che sarà il più felice del mondo.

La salute del coniglio ariete

Per quanto vorremmo che il nostro animale da compagnia restasse con noi per sempre, il coniglio ariete molto difficilmente supera i 10 anni di vita e può arrivare ad un’età così avanzata solo se perfettamente accudito. Si tratta di un animale estremamente delicato e ci sono diverse patologie frequenti che possono colpirlo. Tra queste troviamo la rogna, le polmoniti o i problemi dentali. Se queste problematiche non vengono prese per tempo rischiano di compromettere l’intero sistema immunitario.

Le vaccinazioni

Errore numero 1: pensare che visto che il coniglio non esce mai di casa non ha bisogno di vaccinazioni. Il rischio di batteri e parassiti è sempre dietro l’angolo, anche tra le mura domestiche.

Le patologie per le quali si usa vaccinare il coniglio sono essenzialmente due: la Malattia Emorragica Virale (MEV) e la Mixomatosi. Quando uno di questi due virus infetta il nostro animaletto, il rischio di mortalità si avvicina al 100% e poiché non esistono terapie specifiche e risolutive che ne garantiscano la guarigione, la profilassi è l’unica strada possibile.
In genere il coniglio ariete si può vaccinare dopo le 5 settimane di età e sarà il veterinario a stabilire la periodicità del richiamo.

Come prendersene cura

Se hai deciso di adottare un coniglio ariete per amico ricorda che devi mettergli a disposizione una gabbia abbastanza grande affinché possa muoversi liberamente. Essendo molto curiosi hanno bisogno di esplorare, quindi crea degli spazi che si adattino a lui, e mantieni sempre la gabbia in ottime condizioni di igiene.

Ogni tanto lascia che il tuo animaletto esca dalla gabbia, così che possa fare esercizio e correre liberamente, e ricordati di fornirgli giochini appositi che possa rosicchiare per mettere al riparo mobili e cavi elettrici. Mica vorrai dire addio al caricabatterie del tuo cellulare, no?

Infine, evita sbalzi di temperatura. Posiziona la gabbia in una stanza mite, così che il coniglio sia riparato da potenziali malanni che potrebbero sfociare in brutte polmoniti. Un consiglio forse scontato, ma ricordati che sono esserini molto delicati, quindi presta attenzione.

Foto: canva.com