Le più famose conservazioniste e attiviste animaliste del mondo

Guida Guida

Dian Fossey, Jane Goodall e Biruté Galdikas sono solo alcune delle più famose e influenti attiviste per i diritti degli animali. La loro opera ha permesso di cambiare il mondo in meglio.  

Dian Fossey, Jane Goodall e Biruté Galdikas sono solo alcune delle più famose e influenti attiviste per i diritti degli animali. La loro opera ha permesso di cambiare il mondo in meglio.  
Ti potrebbero interessare

Osservando le diverse azioni di protezione nei confronti della natura, che periodicamente avvengono da un angolo all’altro del pianeta, appare evidente come siano proprio le donne ad occupare un ruolo chiave rendendosi portavoce dei diritti degli animali. Alcune conservazioniste e animaliste sono più conosciute di altre, ma tutte quante sono accomunate da un’incredibile passione e determinazione per la salvaguardia del mondo animale.

Le più famose attiviste e conservazioniste del mondo

Alcune attiviste sono diventate vere e proprie eroine perché si sono battute per la sopravvivenza degli animali selvatici più minacciati del pianeta, a costo della loro stessa vita. Dian Fossey, Jane Goodall, Biruté Galdikas, Daphne Sheldrick, Jill Robinson, Kuki Gallmann, Mardy Murie, Mollie Beattie, Leela Hazzah, Lizzy Lind af Hageby, Eugenie Clark, Harriet Hemenway, Laurie Marker, Sandeun “Lek” Chailert, Krithi Karanth e Paula Kahumbu sono solo alcune delle più famose conservazioniste e attiviste animaliste. Scopriamo meglio il percorso di alcune di queste famose ambientaliste della fauna selvatica, in particolare soffermiamoci sulle tre fondatrici della primatologia moderna: Dian Fossey, Jane Goodall e Birutė Galdikas.

Dian Fossey 

Foto: Di Hpalaucampos - Opera propria, CC BY-SA 4.0

La passione di Dian Fossey per i gorilla di montagna è raccontata nel film del 1988 “Gorilla nella nebbia”, con protagonista Sigourney Weaver. Dian Fossey pagò con la vita la sua lotta al bracconaggio venendo brutalmente assassinata nel 1985 nel Karisoke Research Center, il centro di ricerca che lei stessa costruì su monti Virunga, in Ruanda, alla fine degli anni ’60. Oggi il suo lavoro di protezione dei rarissimi gorilla di montagna viene portato avanti dalla Dian Fossey Gorilla Fund International.

Jane Goodall

Foto: LaPresse

Jane Goodall, insieme a Dian Fossey e Birutė Galdikas, è considerata una delle madri fondatrici della primatologia moderna: mentre Dian Fossey si è occupata di gorilla e Birutė Galdikas di oranghi, Jane Goodall ha dedicato la sua intera esistenza allo studio e alla protezione degli scimpanzé.

La dottoressa Goodall ha fondato il Jane Goodall Institute nel 1977 per sostenere la sua ricerca sulle grandi scimmie nel Gombe Stream National Park in Tanzania.

Goodall è anche messaggero di pace delle Nazioni Unite, ruolo che la porta a girare il mondo in media 300 giorni all'anno, educando il pubblico sugli scimpanzé.

Biruté Galdikas

La dottoressa Biruté Galdikas è dedita allo studio degli oranghi a partire dal 1971: gran parte delle conoscenze che abbiamo oggi sugli oranghi del Borneo indonesiano e di Sumatra è dovuta proprio al suo duro lavoro.

Galdikas ha fondato la Orangutan Foundation International (OFI) nel 1986 a Los Angeles per proteggere gli oranghi che rimangono tuttora a rischio estinzione.

Foto di apertura © CRISTIANO LARUFFA / LAPRESSE

Animali e cuccioli
SEGUICI