Come comportarsi se sparisce il gatto

Guida Guida

Il gatto ama nascondersi nei posti più impensabili. Ma cosa fare se dopo averlo cercato per tutta la casa non ci è riuscito di trovarlo? Ecco una guida che può aiutarvi.

Il gatto ama nascondersi nei posti più impensabili. Ma cosa fare se dopo averlo cercato per tutta la casa non ci è riuscito di trovarlo? Ecco una guida che può aiutarvi.
Ti potrebbero interessare

Il gatto ama nascondersi nei posti più impensabili. Ma cosa fare se dopo averlo cercato per tutta la casa non ci è riuscito di trovarlo? Ecco una guida che può aiutarvi.

  1. Mantenete la calma: disperarsi non serve a nulla e di sicuro non farà ricomparire magicamente il gatto. Viceversa vi potrebbe rendere meno lucidi, impedendovi così di fare del vostro meglio per ritrovarlo.
  2. Guardate sotto tutte le finestre di casa: i gatti amano stare sui davanzali e sono bravissimi a mantenere l’equilibro finché sono attenti, ma qualche volta basta un luccichio in lontananza o un uccellino o in insetto che passa che subito si dimenticano dove sono. Le cadute da balconi e davanzali sono all’ordine del giorno in estate e primavera, quando le finestre sono quasi sempre aperte. Controllate quindi che non sia rimasto ferito e non riesca più a rientrare.
  3. Allo stesso modo fate un giro attorno a casa per vedere se non sia rimasto coinvolto in qualche incidente: se il gatto è scappato o è libero di entrare e uscire quando vuole, è facile gli incidenti gli accadano mentre sta rientrando o comunque mentre si trova nei pressi della vostra abitazione.
  4. Una volta escluse queste possibilità, tornate a casa e preparate un volantino con una fotografia del gatto, la data della sparizione e il vostro recapito telefonico e diffondeteli nella vostra città senza dimenticare ambulatori e negozi di animali. Chiedendo il permesso al titolare, ovviamente.
  5. Allo stesso tempo telefonate ai gattili della vostra zona e alle sedi locali dell’Enpa, dell’Asl o di qualsiasi altra struttura abbia a che fare coi gatti, chiedendo se gli sono arrivati nuovi trovatelli o segnalazioni. Eventualmente fategli avere uno dei volantini o una foto del vostro micio.
  6. Indagate poi nei rifugi per animali e nelle colonie feline: potrebbe essersi intrufolato seguendo uno dei gatti liberi che ne fanno parte.
  7. Non dimenticate l’aiuto che può dare la rete internet: il passaparola tra lettori spesso fa miracoli: pubblicate una foto del vostro gatto sui vari social network, specificando data, zona di scomparsa e numero per contattarvi.
  8. Non perdete mai la speranza di ritrovare il vostro amato gatto e, anche dopo diverse settimane continuate a telefonare e a visitare le colonie. Non è così infrequente ritrovare gatti dopo anni di “latitanza”.

Coi sistemi di identificazione ritrovarlo è più facile

Facilitare il compito di identificare un gatto e di associarlo al nome del suo padrone è comunque la miglior strategia per aumentare le possibilità di ricongiungersi presto con l’animale.

  1. Basterebbe ad esempio una semplice medaglietta con il nostro nome e recapito telefonico attaccata a un collarino per consentire a chiunque lo ritrovasse di farci una telefonata per avvisarci del ritrovamento. Certo, il gatto potrebbe rifiutare di tenere sempre un collare addosso, ma con un po’ di pazienza e magari iniziando fin da quando è un cucciolo non dovrebbero esserci problemi. Resta invece un sistema di identificazione provvisorio che può andare perduto nella fuga o che qualcuno potrebbe toglierla prima che una persona di buon cuore ritrovi il gatto e riesca ad avvisarci. Ma sempre meglio provarci.
  2. In aggiunta, oggi è possibile far mettere anche un microchip permanente sottopelle come quello dei cani che identifica il nostro micio e lo associa in modo univoco al nostro nominativo se lo iscriviamo all’anagrafe felina. Si tratta di un sistema con database identico a quello dell’anagrafe canina ma ancora su base volontaria. È però una chance in più per ritrovare il gatto in caso di smarrimento, totalmente gratuita, a parte il costo per l’inserimento del microchip che deve fare il veterinario.

photo credit: Mel1st via photo pin cc

Che cos'è il microchip

Similmente al microchip per l'identificazione dei cani, il microchip per gatti è un piccolo sensore elettronico inserito sottopelle all'altezza del collo mediante una siringa. Si tratta di una procedura indolore che non richiede anestesia e non dà disturbi all'animale. In compenso può risparmiare molta sofferenza a noi se ci aiuta a ritrovare il nostro amico.
Per farglielo mettere basta rivolgersi a un veterinario che aderisce all'iniziativa (l'elenco è nel sito www.anagrafenazionalefelina.it).

Animali e cuccioli
SEGUICI