Gelatiera: cos’è, come si usa e quale scegliere

Guida Guida

Elettromestico indispensabile per fare un ottimo gelato in casa, ecco tutto quello che c'è da sapere sulle gelatiere.

Elettromestico indispensabile per fare un ottimo gelato in casa, ecco tutto quello che c'è da sapere sulle gelatiere.
Ti potrebbero interessare

Alleata della realizzazione di un buon gelato, la gelatiera è l’elettrodomestico che, chi nutre una profonda passione per il più amato dei dolci estivi, dovrebbe avere in casa. In commercio ne esistono parecchi modelli, da quelli base a quelli più professionali. Ecco come funziona e come scegliere la migliore gelatiera da casa.

Che cos’è la gelatiera 

La gelatiera, è facile dedurlo, è l’apparecchio elettrico attraverso il quale si può produrre a casa, come in gelateria, un ottimo e cremoso gelato. E' l'elettrodomestico utile per poter realizzare in casa un gelato sano, con ingredienti selezionati e, di volta in volta, diversi dal solito per chi ama sperimentare.

Come funziona una gelatiera 

Foto: stylephotographs - 123RF

Per capire come funziona una gelatiera, bisogna stabilire a quale modello ci si riferisca. Le principali macchine per gelato disponibili in commercio sono di due tipi: quelle autorefrigeranti e quelle con pre-raffreddamento. Queste ultime sono perfette per chi è alle prime armi e prepara il gelato in casa saltuariamente. Per utilizzarle bisogna fare raffreddare in freezer, per circa 24 ore, il contenitore (del quale sono dotate) con il liquido refrigerante. Trascorso tale lasso di tempo, si possono mettere in funzione, ovvero si può versare all'interno del cestello in alluminio il composto che diventerà il nostro gelato, ooportunamente raffreddato, e spingere il pulsante apposito, che ne avvia la lavorazione. Le prime sono adatte a chi fa il gelato spesso: basta semplicemente attaccare la spina alla presa per innescare il raffreddamento che avviene, invece, subito ed in maniera automatica.

Gelatiera: quale scegliere 

Oltre che nel prezzo (le gelatiere auto refrigeranti hanno un costo piuttosto elevato rispetto all’altro modello) la differenza sostanziale tra le due sta nella praticità e nella velocità di utilizzo. Una gelatiera auto refrigerante è pronta per l’uso, basta inserire la spina ed attendere pochi minuti. Chi desidera utilizzare il secondo modello, invece, deve pensarci il giorno prima. Per tale motivo, se siete soliti o avete intenzione di preparare il gelato frequentemente, optate per le prime. Se siete dei principianti e volete testare il tutto, puntate sulle seconde.

Gelatiera elettrica 

La gelatiera elettrica è di facile e veloce utilizzo. Basta versare gli ingredienti nel cestello di alluminio ed inserire la spina, azionarla ed attendere la fine del processo nel quale non è necessario intervenire.

Gelatiera manuale

Uno speciale modello è costituito dalla gelatiera manuale. Essa è composta da un piano refrigerante sul quale si versa il composto. Questo viene steso, fatto raffreddare per un paio di minuti, quindi lavorato con due spatole, con movimenti continui e delicati fino alla formazione del gelato.

Gelatiera con compressore 

Le gelatiere con compressore sono ancora più performanti e permettono di ottenere il gelato in soli 3 quarti d’ora. Ciò, grazie alla elevata potenza di raffreddamento che non necessita di pre raffredamento. Per tali caratteristiche, tale modello di gelatiera, oltre che più ingombrante, è anche più costoso. Si tratta, più che altro, di una gelatiera professionale adatta ai laboratori ed alle gelaterie.

Quanto costa una gelatiera 

E a proposito di prezzo, bisogna fare una distinzione. Se il costo di una gelatiera auto refrigerante può aggirarsi anche sui 25 euro, quello di un modello elettrico sale a 150. Il prezzo di una gelatiera con compressore parte da non meno di 200 euro.

Il gelato senza gelatiera

Molti si chiedono se, per fare il gelato in casa, sia necessario disporre di una gelatiera. La risposta è ni, nel senso che fare il gelato senza gelatiera è possibile, ma richiede tempo a pazienza. Bisogna preparare il composto di base con ingredienti molto freddi e trasferirli in un contenitore di alluminio quindi porre quest'ultimo in freezer e mescolare di tanto in tanto - per evitare la formazione dei cristalli di ghiaccio- continuando ad intervalli di 30 minuti per almeno 6 ore.

Foto apertura: stylephotographs-123RF

Cucina e ricette
SEGUICI