Logopedia in età evolutiva: cos’è e quando è utile

Guida Guida

I disturbi del linguaggio e della voce sono spesso legati anche a disturbi cognitivi: un esperto di logopedia può aiutare a risolverli in modo efficace, l'importante è individuarli nei tempi giusti.

I disturbi del linguaggio e della voce sono spesso legati anche a disturbi cognitivi: un esperto di logopedia può aiutare a risolverli in modo efficace, l'importante è individuarli nei tempi giusti.
Ti potrebbero interessare

La voce è il canale più immediato con cui le persone comunicano, ed è uno strumento fondamentale che spesso si dà per scontato, ma che per i motivi più disparati può “incepparsi”. E quando succede, è necessario rivolgersi a un esperto in grado di risolvere il problema grazie alla logopedia e a una terapia logopedica.

Cos’è la logopedia

La logopedia è una specializzazione medica che si concentra sui disturbi della voce, del linguaggio, della comunicazione, della deglutizione e dei disturbi cognitivi connessi come la memoria e l’apprendimento. Spesso quando si parla di questa materia si pensa alla logopedia infantile e alla logopedia nei bambini, ma può succedere che anche un adulto abbia bisogno di un logopedista. In età evolutiva, in caso di disturbi è però molto importante rivolgersi a un logopedista per tempo.

Cosa fa il logopedista 

Il logopedista si occupa rieducare e curare le disabilità comunicative e cognitive, utilizzando terapie di abilitazione e riabilitazione della comunicazione e del linguaggio, sia verbali sia non verbali. Il logopedista si occupa di verificare la cortezza gestione della vocalità, della respirazione e della deglutizione, e allo stesso tempo verifica lo sviluppo cognitivo.

Logopedia in età evolutiva: quando è utile 

Foto: Katarzyna Białasiewicz-123RF

La logopedia in età evolutiva può essere utile quando il bambino ha difficoltà a parlare, un percorso che non è sempre facile e neppure naturale come si pensa. Come confermato anche dal Centro Italiano per la Psiche,  i ritardi e i difetti del linguaggio, della pronuncia e dell’apprendimento sono una condizione frequente nell’età prescolare, e si manifestano con quadri clinici molto diversi tra loro. Che si tratti di difficoltà a trovare le parole giuste e ad associarle al concetto che si vuole esprimere, di difetti di pronuncia o di balbuzie, un logopedista può aiutare il bambino a superare le difficoltà e a risolvere anche i disturbi dell’apprendimento.  

Logopedia in età evolutiva: a che età intervenire

Eventuali problemi relativi al linguaggio e all’apprendimento si manifestano con chiarezza dopo i due anni d’età. I genitori possono notare se il bambino ha difficoltà a pronunciare determinati suoni o intere parole, se tende a invertire le sillabe o non riuscire a descrivere con le giuste parole un oggetto che ha davanti. In quel caso potrebbe essere utile rivolgersi a un logopedista per un consulto. Il costo del logopedista varia a seconda della tipologia di terapia e del professionista.  

Foto apertura: Oksana Kuzmina-123RF

Genitori e bambini
SEGUICI