Come fare a non prendere peso in gravidanza

Guida Guida

Qualche consiglio per aiutare le future mamme a tenere sotto controllo il peso in gravidanza.

Qualche consiglio per aiutare le future mamme a tenere sotto controllo il peso in gravidanza.
Ti potrebbero interessare

Tra voglie di ogni genere e natura e pasti “rinforzati”, per molte donne è difficile tenere sotto controllo il peso in gravidanza. L’aumento di peso fisiologico dato dal bambino spesso si accompagna a un mutamento della curva del peso, e una tabella settimanale è uno dei primi strumenti utili per il calcolo del peso e per tenere traccia dei chilogrammi accumulati nell’ottica di tornare al peso ideale.

Le principali cause dell'aumento del peso in gravidanza

Nei primi tre mesi di gravidanza, l'aumento di peso è dovuto soprattutto all'accumulo di riserve energetiche (o tessuto adiposo) necessarie per garantire al bambino un adeguato apporto di sostanze nutrienti negli ultimi mesi di gravidanza. Una questione fisiologica, insomma, che porta le future mamme a mangiare di più (spesso lasciandosi influenzare dalle voglie) e che in certi casi si accompagna a una riduzione dell’attività fisica. A questo si aggiunge la ritenzione idrica, un problema comune a molte future mamme.

Calcolo del peso in gravidanza: i tool online 

Online sono disponibili molti strumenti per calcolare il peso in gravidanza, così come molte applicazioni. Solitamente è richiesto di inserire il peso a inizio gravidanza e altri dati fisici, da aggiornare via via che la gravidanza prosegue, per tenere sotto controllo l’avanzamento. Molte aziende specializzate nell’infanzia metto a disposizione questi tool online, ma spesso è il ginecologo che può fornire valide indicazioni per avere uno strumento sempre a portata di mano.

Quanti kg prendere ogni tre mesi? 

È importante ricordare che non esiste un aumento di peso standard e “giusto” per tutte le future mamme: ogni donna è diversa, e di base è importante tenere conto del peso a inizio gravidanza. In generale, se una donna rientra nel range del normopeso - non è dunque sottopeso o sovrappeso a inizio gravidanza - l’aumento complessivo varia tra gli 8 e i 12 chilogrammi, e dunque dai 2 ai 4 kg a trimestre massimo. Si parla solitamente di 1 kg al mese di media, ma anche in questo caso si tratta di un calcolo generalista che non tiene conto dei singoli casi: ci sono donne che accusano nausea e vomito, e non aumentano neppure di pochi grammi, e chi invece ne prende di più. Ovviamente chi è sottopeso dovrebbe acquistare qualche chilo in più, mentre chi è sovrappeso dovrebbe fare particolare attenzione per evitare di accumulare peso, non tanto per un discorso di linea, quanto di salute.

Cosa e come mangiare in gravidanza per non prendere peso 

Foto: gajus-123RF

Il regime alimentare in gravidanza è un fattore da curare in maniera particolare. L’alimentazione è importantissima non soltanto per la futura mamma, ma anche per il feto, che proprio dalla mamma assume le sostanze nutritive necessarie per la crescita.

Frutta e verdura - adeguatamente lavate - sono un cardine della dieta in gravidanza, insieme con tutti gli alimenti che assicurano il corretto apporto calorico e nutrizionale. E dunque proteine - dal pesce, in particolare - carboidrati, che non devono mai mancare, e grassi buoni. Da limitare invece dolci e fritti, per tenere sotto controllo la glicemia, che in gravidanza tende ad aumentare, e il colesterolo.

L'importanza dell'attività fisica 

Lo sport in gravidanza è importantissimo per tenere sotto controllo il peso. Su indicazione del ginecologo è possibile continuare ad allenarsi regolarmente, anche sino all’ultimo, a patto di moderare l’intensità ed evitare sforzi eccessivi. Camminare e nuotare sono le attività maggiormente consigliate, perché impattano positivamente anche sul sistema cardiocircolatorio. Attività come yoga e pilates aiutano a specializzarsi nella respirazione, tonificando i muscoli in maniera dolce e senza sforzi eccessivi. Sconsigliati invece, soprattutto nell’ultima parte della gravidanza, allenamenti ad alta intensità o con sollevamento di pesi eccessivi.

I rischi legati all'aumento di peso in gravidanza

L’aumento di peso in gravidanza non è un’insidia solo per la linea. Più la donna aumenta di peso, più è probabile che incorra in disturbi come problemi vascolari, come le vene varicose, o ancora emorroidi, mal di schiena, diabete gestazionale e ipertensione nei casi peggiori. Un aumento di peso eccessivo, inoltre, potrebbe complicare il travaglio, costringendo a ricorrere a un cesareo per la debolezza dell’organismo.

Foto apertura:  plepraisaeng - 123RF

Genitori e bambini
SEGUICI