Conservazione ovuli: meglio farla in Italia o all’estero?

Notizia Notizia

Scegliere di proteggere più a lungo la possibilità di diventare mamme, conservando i propri ovuli, non è più solo un sogno. Ma quanto costa e dove conviene farlo? 

Contro il bullismo da orologio biologico non basta a volte tapparsi le orecchie. Anche quando si smette di ascoltare, una voce dentro la testa continua a dire: “è tardi, devi correre ai ripari”.

Per quelle donne che per motivi di salute, professionali o semplicemente perché l’uomo giusto con cui costruire una famiglia non l’hanno trovato, il congelamento degli ovuli può essere una soluzione.

Dove conviene farlo?

La conservazione degli ovociti congelati in Italia mediamente ha un costo complessivo che varia tra i 1.500 e i 2.000 euro per i primi 5 anni, e un costo di circa 250 euro per ogni anno successivo.

Tecnicamente i centri in Italia in grado di eseguire tale procedura sono la gran parte, ma di questi meno del 20% effettivamente procede alla conservazione.

Secondo il sito Medigo.it in Spagna congelare i propri ovuli ha un costo che varia da 350 euro a 3.000 euro, con una media di prezzo di 2.272 euro.

Costi più o meno simili dunque. I fattori che influenzano i costi sono tecnologia utilizzata per il congelamento, trattamenti aggiuntivi, costi aggiuntivi per la manutenzione annuale.

Le motivazioni che spingono le donne a ricorrere al congelamento degli ovuli sono essenzialmente di tre tipi: difendere la propria riserva ovarica da trattamenti medici come la chemioterapia, concedersi più tempo per concentrarsi sulla propria carriera, mancanza del partner.

Estrarre e congelare i propri ovuli in Italia o all'estero è una scelta influenzata sicuramente dall'efficienza delle strutture a cui ci si rivolge, ma anche la possibilità di avere qualcuno accanto in questo delicato evento. Infatti, l'estrazione avviene in completa sedazione. Inoltre, l'impatto psicologico dell'evento potrebbe richiedere la necessità di una mano amica al risveglio.

Qualunque sia la vostra meta, italiana o estera, non dimenticate: prima di ricorrere all’estrazione, congelamento e conservazione degli ovociti, è bene farsi assistere dal proprio ginecologo

Genitori e bambini
SEGUICI