Meghan Markle ha una gravidanza geriatrica: cos'è e quali sono i rischi

Notizia Notizia

Che cos'è la gravidanza geriatrica, condizione in cui sembra rientrare anche la duchessa del Sussex? E davvero rappresenta un rischio per mamma e nascituro? Facciamo chiarezza.

Ti potrebbero interessare

Secondo la scienza si chiama “gravidanza geriatrica”, nell’applicazione quotidiana di “geriatrico” inteso come “anziano” ha ben poco, ma si riferisce alle donne cui capita di restare incinta dopo i 35 anni.

La definizione, decisamente antiquata e anche poco “gentile”, ben si applica anche a Meghan Markle, una delle donne in gravidanza più famose e ammirate del momento: 37 anni, la moglie di Harry d’Inghilterra, duchessa del Sussex, è in attesa del primogenito che nascerà tra aprile e maggio, e di fatto è nel pieno di una gravidanza geriatrica, almeno secondo la scienza. E questo nonostante che oggi la maggior parte delle donne resti incinta tra i 30 e i 40 anni, e siano sempre meno frequenti le gravidanze under 25.

Secondo il National Center for Health Statistics americano, sono infatti sempre più le donne che aspettano il primo figlio tra i 35 e i 39 anni d’età, e tra il 2000 al 2012 il tasso di natalità per queste donne è aumentato ovunque negli Stati Uniti dal 20 al 40%. La percentuale delle donne che hanno bambini a 40 anni è inoltre raddoppiata, segno che l’età in cui si sceglie di diventare madri si spostano sempre più avanti nel tempo.

LEGGI ANCHE: 7° mese gravidanza: perché è cruciale per il feto

Di gravidanza geriatrica si è tornati a parlare con prepotenza nel vedere il pancione di Meghan Markle crescere di giorni in giorno e di pari passo con il suo sorriso. Contrariamente alla nuora Kate Middleton, che ha sofferto tutte e tre le gravidanze, Meghan non pare avere rinunciato a nulla, uscite mondane comprese, e sembra attraversare un periodo che per molte donne di rivela parecchio faticoso senza tentennamenti, pause o insicurezze. Ma la gravidanza geriatrica è davvero più pericolosa per mamma e nascituro?

Secondo i medici, non particolarmente, a patto di tenerla strettamente monitorata: parecchi i test cui sottoporsi, da quello per il diabete gestazionale a quello sull’ipertensione, necessario per mantenere sotto controllo la pressione, e ancora test sulle urine per riscontrare eventuali tracce di preeclampsia, patologia potenzialmente in grado di mettere a rischio la salute (e la vita) della futura mamma.

I medici consigliano inoltre alla mamma di sottoporsi a un’ecografia vaginale per misurare con precisione la lunghezza cervicale del feto e scongiurare il rischio di parto prematuro, e di avere un’attenzione particolare verso alimentazione e attività fisica per portare avanti la gravidanza in condizioni ottimali. Fatte queste premesse, e rispettate tutte le indicazioni del ginecologo, la gravidanza solitamente si conclude senza alcun tipo di problema e complicazione anche per le mamme over 35.  

Foto: LaPresse

Genitori e bambini
SEGUICI