What's New

Le cose che... arriva anche a scuola!

 “Le cose che... Nessuno ha il coraggio di dirti prima dei 10 anni” arriva anche a scuola: parte il contest per docenti e alunni.

 “Le cose che... Nessuno ha il coraggio di dirti prima dei 10 anni” arriva anche a scuola: parte il contest per docenti e alunni.

Il programma nato nel lockdown e condotto da Matteo Valentini e Sofia Delle Rive si espande alla primaria e coinvolge anche gli insegnanti: ecco tutte le novità e come partecipare!

Parlare di cose "da grandi": il contest per docenti e alunni

Le cose che... Nessuno ha il coraggio di dirti prima dei 10 anni” arriva anche nelle scuole grazie al nuovo progetto dedicato “A scuola con DeAKids”. Il format nato durante il lockdown e che nel corso delle puntate ha accompagnato grandi e piccini alla scoperta di argomenti che tanti adulti spesso sono in difficoltà a discutere con i ragazzi, si estende adesso anche agli insegnanti e agli alunni di terza, quarta e quinta della scuola primaria, grazie a una serie di webinair dedicati alla formazione di insegnanti di tutta Italia e al coinvolgimento dei ragazzi in prima persona.

I webinar di Deakids per docenti e alunni

I webinar saranno tenuti dagli psicoterapeuti Alberto Pellai e Barbara Tamborini, autori del programma, mentre Matteo Valentini e Sofia Dalle Rive (i conduttori del programma) si occuperanno della parte più divertente del progetto, coinvolgendo i ragazzi.

Per iscriversi ai webinair, porre domande da affrontare nel corso delle puntate e scaricare il materiale gratuito delle quattro aree tematiche affrontate nelle puntate è sufficiente andare sul sito www.ascuolacondeakids.it, dove è possibile anche partecipare a uno speciale contest.

All’avvio del progetto infatti ogni classe, insieme con il proprio insegnante, potrà inviare la proposta di un tema da trattare in due nuove puntate della seconda stagione della serie, sfruttando una foto e un breve elaborato. Le classi vincitrici appariranno nelle puntate, e avranno la possibilità di ricevere due buoni spesa in materiale tecnologico del valore di 1.000 euro.