Tempo Libero
Tempo Libero

Halloween: storia e origini della notte delle streghe

Dal rito celtico di Samhain alla Vigilia di Ognissanti, tra zucche e rape, costumi spaventosi e scherzetti per chi non regala dolcetti. Le cose da sapere.

Dal rito celtico di Samhain alla Vigilia di Ognissanti, tra zucche e rape, costumi spaventosi e scherzetti per chi non regala dolcetti. Le cose da sapere.

Dolcetto o scherzetto? C’è chi non sopporta Halloween ritenendolo un’americanata e chi invece lo ha festeggiato fino a quando non è stato troppo grande per suonare i campanelli chiedendo cioccolatini. Ma quali sono le origini della “notte delle streghe”, che arriva ogni anno il 31 ottobre? Ecco la vera storia di Halloween.

Le origini di Halloween: il vero significato della festa 

La parola Halloween è una contrazione di All Hallows' Eve, traducibile come “La vigilia di Ognissanti”. Ma le radici di questa ricorrenza sono decisamente più antiche del cristianesimo e affondano nello Samhain, giorno in cui le tribù celtiche celebravano la fine dell’estate e, credendo che in questa notte gli spiriti tornassero sulla terra, si travestivano con pelli e teste di animali per spaventarli. Una volta conquistata la Britannia, i Romani inglobarono questa usanza, associandola alla divinità Pomona, protettrice dei frutti della terra. Quando poi sulle isole britanniche arrivò il cristianesimo, i riti pagani furono sostituiti nel calendario dalla festa di Ognissanti.

5 cose che non sai di Halloween: curiosità 

Come sono diversi i riti e i simbolismi confluiti in quella che oggi è la festa di Halloween, allo stesso modo ci sono tante curiosità legate alla notte delle streghe. Eccone alcune.

La zucca, alias Jack-O’-Lantern 

Nei Paesi anglosassoni, la zucca scavata con i tratti di un volto intagliati sulla superficie si chiama Jack-O’-Lantern. Mutua il nome da una leggenda irlandese, quella del fabbro Jack che avendo ingannato il diavolo in vita, venne cacciato dall’inferno dopo la morte. Da allora la sua anima vaga senza meta, con in mano una lanterna ricavata da una rapa.

Prima la zucca era una rapa 

Eh sì, proprio una rapa. Lo stesso ortaggio che i celti usavano per illuminare la notte dello Samhain. inserendovi all’interno una tizzone ardente. Come si è passati dalla rapa alla zucca? Molto semplice: quando gli irlandesi migrarono negli Stati Uniti, trovarono zucche (originaria proprio dell’America) in abbondanza, che sostituirono così le rape.

Halloween all’italiana 

La credenza che sia una festa totalmente importata è diffusa, ma sbagliata. La Halloween commerciale che conosciamo tutti è arrivata con fumetti, film e serie tv a stelle e strisce, ma l’usanza di intagliare le zucche e illuminarle con una candela si ritrova in diverse zone d’Italia, soprattutto al Nord. Lo stesso vale per i travestimenti macabri, sopravvivenze di riti pagani antichissimi, legati al culto dei morti e alla fertilità.

Perché si fa “dolcetto o scherzetto” 

Presenti alle origini di Halloween versione cristiana, i connotati religiosi della festa si sono via via sbiaditi fino a perdersi del tutto. Tra i rituali più diffusi della Halloween “moderna” c’è l’usanza del trick or treat, “dolcetto o scherzetto?”, che a sorpresa risale al Medioevo, quando nella notte di Ognissanti i mendicanti bussavano alle porte delle case, chiedendo cibo in cambio di una preghiera. Chi si rifiutava, otteneva una maledizione. Ne parla anche Shakespeare ne I due gentiluomini di Verona.

La festa più dolce 

Appena dietro Natale, Halloween è la seconda festa più commerciale negli Stati Uniti: gli americani spendono circa 7 miliardi di dollari per questa festività, tra decorazioni della casa, feste, costumi e dolciumi. Sembra che ogni statunitense ne mangi in media più di tre chili: in buona parte candy corn, tradizionali caramelle tricolori somiglianti a un chicco di mais.

Cosa fare ad Halloween: idee

Intagliare zucche, andare casa per casa a chiedere dolcetti, mascherarsi da fantasma, strega o vampiro. Certo. Ecco però altri suggerimenti per Halloween.

Vedere un film di paura

Oppure fare direttamente una maratona horror, in quale serata farlo sennò? Alcuni suggerimenti: La notte dei morti viventi oppure i film della saga di Halloween, che iniziata nel 1978 ha protagonista il folle e spietato assassino Michael Myers. Ecco alcuni film da vedere la notte di Halloween.

Decorare casa con il fai da te 

Palloncini, pipistrelli di carta, ragnatele finte, etc. Chi più ne ha, più ne metta. Decorare la casa in modo “spooky”, come direbbero negli Stati Uniti, è un passatempo azzeccato in vista di questa festa. Con il fai da te, ancora meglio. Ecco come realizzare le decorazioni di Halloween.

Realizzare le borse per i dolcetti 

Fare “dolcetto o scherzetto” è divertente. Le borse per i dolciumi, però, devono essere all’altezza della serata. Ecco come realizzarne una insieme ai bambini.

Provare a vedere una strega 

Avete letto bene! Secondo la tradizione, se la notte di Halloween si indossano i vestiti al rovescio e si cammina all'indietro, aumentano le possibilità di vedere una strega a mezzanotte. D’altra parte, è proprio tra il 31 ottobre e l’1 novembre che le streghe compiono i loro raduni, no?

Foto: pressmaster - 123rf.com