Testimonianze di vita preistorica in Liguria

Guida Guida

Le comunità primitive dei Balzi Rossi

Le comunità primitive dei Balzi Rossi
Ti potrebbero interessare

Immaginatevi un’imponente falesia di roccia calcarea che cade a picco sulla spiaggia, formando un angolo costiero selvaggio, quasi incontaminato, dove un tempo vivevano alcune comunità primitive. Immaginatevi uno scenario paradisiaco, quando il genere umano viveva dei frutti del mare e della foresta che dominava tutto il territorio, in un perfetto equilibrio tra uomini e natura… questo luogo esiste, o meglio è esistito, per riscoprirlo basta recarsi quasi sul confine tra Italia a Francia, lungo la costa ligure occidentale, a circa 10 chilometri da Ventimiglia e a 5 da Mentone, presso la piccola frazione Grimaldi di Ventimiglia; qui s’incontra la spiaggia dei Balzi Rossi, sito famoso in tutto il mondo per i numerosi ritrovamenti preistorici risalenti all’epoca del Pleistocene (circa 2,5 milioni – 11.000 anni fa). Il luogo prende il nome di ‘balzi rossi’ per il caratteristico colore rossastro della parete rocciosa, sulla quale si aprono gli anfratti che ospitavano i rifugi, circa quindici, affacciati direttamente sulla spiaggia.

Le caverne vennero scoperte alla fine dell’Ottocento e vantano numerosi ritrovamenti che conservano la più lontana testimonianza della presenza umana nella regione ligure, tra le più antiche della penisola italiana. Tra oggetti di vita quotidiana, manufatti in osso e in pietra, lame di selce, punte di freccia e raschiatoi, ma anche resti di animali, conchiglie e sculture, di fondamentale rilevanza e interesse archeologico sono i resti di diverse sepolture umane. I ritrovamenti sono attribuibili a rappresentanti di Homo erectus, Uomo di Neandertal e Homo sapiens sapiens, appartenenti quindi a periodi preistorici tra loro lontani. Uno dei reperti più antichi è, infatti, l’osso iliaco di una donna che probabilmente visse nelle grotte tra i 280.000 e i 240.000 anni fa. Tra le più significative vi sono la grotta dei Fanciulli, così denominata perché al suo interno sono stati rinvenuti resti di due bambini di età imprecisata, e la Barma Grande, dove si è conservata in un’ampia sepoltura quadrangolare la triplice sepoltura di un adulto, una giovane e un bambino, accompagnati da un ricco corredo di pendagli in avorio e osso, lame di selce, vertebre di pesce e canini di cervo.

Particolarmente interessante per uno studio antropologico-rituale sono le Veneri della fertilità, statuette raffiguranti donne dalle forme anatomiche accentuate, chiaro simbolo di fertilità e di vita, indicanti il culto alla Dea Madre Terra, e dell’ocra rossa, elemento ricorrente nelle culture neolitiche utilizzata per ricoprire i corpi dei defunti. In una caverna, inoltre, è possibile ammirare numerose incisioni risalenti al Paleolitico superiore e una pittura rupestre raffigurante un cavallo.

I reperti sono oggi conservati presso il Museo Preistorico Nazionale dei Balzi Rossi, dove sono visibili alcune sepolture con i rispettivi corredi. Il museo è stato fondato nel 1898 da Sir Thomas Hanbury stesso fondatore, a pochi passi di distanza, dei Giardini di Villa Hanbury. Il giardino merita una visita per la splendida vista sul mare e soprattutto per ammirare le oltre 5800 specie di piante provenienti dalle più diverse zone del mondo, prevalentemente di origine tropicale, tra ornamentali, officinali e da frutto.

Il sito dei Balzi Rossi è particolarmente caratteristico e suggestivo: passeggiando sul bagnasciuga ci si ritrova a immaginare la vita a stretto contatto con il mare e la foresta delle comunità neolitiche, e ci aspetta di vedere comparire da un momento all’altro i personaggi dei libri di Stanis Mulas.

Oltre al valore archeologico del sito, la spiaggia è un luogo indicato per un turismo di tipo balneare: la spiaggia rocciosa è ricoperta di caratteristici ciottoli ovali, per questo motivo una volta veniva chiamata ‘spiaggia delle Uova’,  e rimane ancora oggi un angolo naturale con mare cristallino e bellissimi fondali apprezzati anche dai sub. Nelle vicinanze è possibile visitare la città di Ventimiglia, oppure spostandosi verso ovest e oltrepassando il confine francese, è possibile seguire quella che una volta era l’antica strada romana Iulia Augusta e godersi la Costa Azzurra.

Museo Preistorico dei Balzi Rossi
Via Balzi Rossi, 9 – Ponte S. Ludovico, Frazione Mortola, 18039 – Ventimiglia (IM)
Tel: 0184 38113

Il museo è aperto tutti i giorni escluso il lunedì dalle 8.30 alle 19.30. Chiuso il 1° gennaio, il 1° maggio e il 25 dicembre. Le grotte sono visitabili negli orari di apertura del museo.

www.archeoge.beniculturali.it

Hobby e tempo libero
SEGUICI