Una strada di 4444 gradini

Guida Guida

La lunga scalinata di Calà del Sasso

La lunga scalinata di Calà del Sasso
Ti potrebbero interessare

La scala più lunga d’Italia si trova in Veneto: detiene il primato la strada di pietra di Calà del Sasso, in provincia di Vicenza. Il nome indica immediatamente la sua funzione, in lingua originale ‘calà’ significava discesa o calata, e veniva infatti utilizzata come ‘scivolo’ per trasportare i tronchi a valle dalla frazione di Sasso. Si tratta di una lunga scalinata di 4444 scalini lastricati che scende dall’Altopiano dei Sette Comuni e raggiunge Valstagna, addentrandosi tra boschi e fitta vegetazione.

La calata era stata costruita per mettere in comunicazione l’altopiano di Asiago con il resto della valle. Una volta disceso il monte, il legname veniva distribuito a tutta la Repubblica di Venezia, e dal porto della città di Valstagna partiva il trasporto sul fiume. Per le piccole e isolate comunità montane il taglio e la vendita del legname era una della principali attività di reddito; la materia prima proveniente da questi boschi era molto richiesta, veniva utilizzata per opere edilizie e soprattutto per la costruzione delle navi.

La scalinata venne realizzata nel XIV secolo, grazie a Galeazzo Visconti, allora duca di Milano, per permettere agli abitanti dell’altopiano di trasportare i tronchi a valle. Su questa strada, però, non transitava solo legname, ma anche tutto ciò di cui potevano avere bisogno gli abitanti dell’altopiano; questa era, infatti, una delle poche mulattiere che arrivavano fino a quei paesi.

La strada venne fortemente utilizzata da tutti i comuni delle vicinanze: Asiago, Gallio, Foza, Roana, Lusiana e Valstagna; proprio per questo, durante la prima opera di restauro del 1491, la Repubblica di Venezia decise di suddividere le spese tra tutti i comuni che ne usufruivano.

Per ripercorrere a piedi questa antica strada, bisogna prima percorrerla al contrario, ovvero partire proprio da Valstagna, centro noto per il suo porto sul Brenta, e salire. Prima di cominciare la salita, o una volta tornati indietro, è possibile fare una passeggiata per le vie della città per scoprire questo borgo fluviale, costruito sul fianco del fiume Brenta. Il borgo è conosciuto anche per l’attività di lavorazione artigianale del feltro e dal XIX secolo per la coltivazione del tabacco. In piazza San Marco è possibile vedere il leone d’oro sulla facciata di un edificio nobile, che testimonia la presenza del passato dominio della Repubblica di Venezia.

Si sale verso contrada Torre e si prosegue lungo un tratto di strada lastricata fino ad arrivare al punto d’imbocco di Calà dal Sasso, dove il legname arrivava a valle. La scalinata, costruita in pietra calcarea, è suddivisa in 17 rampe, di una larghezza che raggiunge anche i 3 metri; è lunga circa 5 chilometri e sale con un dislivello di circa 800 metri. Il passaggio è diviso in due sentieri: il selciato dedicato ai pedoni è caratterizzato da gradini regolari; la parte adibita al trasporto invece è infossata, inframmezzata con una certa frequenza da rialzi che dovevano rallentare la discesa dei tronchi.

Lungo il tracciato incontriamo un’edicola votiva dedicata a Sant’Antonio, che ci ricorda come un tempo la strada venisse chiamata dei ‘Quattro Rosari’: la salita durava infatti il tempo di snocciolare quattro corone. La camminata è davvero suggestiva, si prosegue protetti dalla vegetazione, tra muschi, felci, ombrellifere e rampicanti. Si arriva così in val Scausse e alla frazione Sasso di Asiago.

Ogni anno nel mese di agosto una fiaccolata illumina il sentiero antico: si tratta di una tradizione locale che rievoca un episodio a metà strada tra la leggenda e la storia. Si racconta, infatti, che nel 1638 circa Nicolò, abitante di Sasso di Asiago, si recò a Padova, per cercare un rimedio per la futura moglie ammalata di peste e in fin di vita, Loretta. Giunta la notte, e non essendo ancora tornato il giovane, alcuni concittadini andarono a cercarlo, e lo incontrarono proprio sulla strada scortato da alcuni uomini di Valstagna. La storia è a lieto fine, Nicolò riesce a salvare Loretta, per questo dal racconto è nata la leggenda secondo la quale se due innamorati percorrono la Calà del Sasso mano nella mano si ameranno per sempre.

Sebbene la frazione di Sasso raggiunga a malapena i 500 abitanti, offre al turista alcuni siti interessanti; tra questi il Museo dei Tre Monti, che raccoglie testimonianze e reperti della prima guerra mondiale, in particolare delle battaglie delle quali porta in nome. Narra una storia simile anche il monumento opera dell’architetto Terragni dedicato a Roberto Sarfatti, volontario diciassettenne ucciso durante la guerra.

www.comunevalstagna.it

Hobby e tempo libero
SEGUICI