Alimentazione

Durian, i benefici del superfood più puzzolente del mondo

Il durian è un frutto puzzolente e benefico, che tuttavia a causa del suo odore non può essere consumato nei luoghi pubblici orientali. Sebbene sia considerato il “re dei frutti”. Conosciamolo meglio. 

Il durian è un frutto puzzolente e benefico, che tuttavia a causa del suo odore non può essere consumato nei luoghi pubblici orientali. Sebbene sia considerato il “re dei frutti”. Conosciamolo meglio. 

Il durian è un frutto spinoso e maleodorante, dal sapore particolare e dalle innumerevoli proprietà curative e benefiche. Originario dell’Asia, viene coltivato principalmente in Malesia, Indonesia, nel Borneo, in India, Cambogia, Sri Lanka, Vietnam e Thailandia.

Sebbene di fatto sia un alimento molto puzzolente, il durian è uno dei frutti thailandesi maggiormente apprezzati nel mondo orientale, tanto da essere definito addirittura il “re della frutta” a livello locale. L’albero adulto può raggiungere i 40 metri di altezza e i suoi fiori (al pari dei frutti) emanano un odore molto acre e sgradevole.

Cos'è il durian, in frutto più puzzolente del mondo 

Il durian (il cui nome deriva dal malese e significa “cibo spinoso”) è il frutto commestibile del Durio, una pianta appartenente alla famiglia delle Malvacee. La specie più diffusa è il Durio zibethinus, un frutto tropicale dalla forma sferica e ricoperto da spine acuminate.

Esternamente il durian ha una colorazione verdina, mentre all’interno la polpa zuccherina e cremosa è divisa in cinque parti di colore più chiaro.

L’odore è sgradevole e pungente, tanto che nel mondo orientale spesso viene venduto insieme ad un paio di guanti per evitare di impregnarsi le mani.

I valori nutrizionali e i benefici del durian, superfood asiatico 

Questo superfood asiatico contiene un elevato contenuto di principi nutrizionali, vitamine e sostanze nutraceutiche. Il durian è composto per lo più da acqua, carboidrati e fibre: 100 grammi di prodotto contengono 147 Kcal. E la sua polpa è ricca di vitamina C, flavonoidi, antociani, vitamine del gruppo B, ferro, magnesio, potassio, fosforo e rame.

Le proprietà benefiche di questo frutto tropicale sono tantissime: è utile per curare diverse patologie dell’intestino, del fegato e del cuore, previene la degenerazione cellulare e aiuta a rallentare l’invecchiamento cutaneo.

Inoltre, contribuisce a regolare il funzionamento della tiroide e a contrastare l’irregolarità intestinale e l’emicrania. Senza contare che dalle sue foglie si ricava un infuso utile per curare febbre e influenza.

Come si mangia il durian 

Questo frutto che puzza si consuma maturo e prevalentemente fresco. Tuttavia, nei Paesi orientali è utilizzato anche per preparare confetture, salse, dolci o abbinato ad altri alimenti.

Inoltre, dal durian si ricava anche una composta da abbinare a formaggi, piatti di carne, di pesce e a cibi salati. Senza contare che la stessa crema può essere utilizzata per farcire pane, bignè o fette biscottate, ma anche per preparare finger food.

Infine, frullando il durian fresco e maturo con la banana si ottiene un composto da spalmare su dolci lievitati o biscotti secchi a base di noci e farina integrale.

Che gusto ha? 

Il sapore del durian è dolciastro e acre: la polpa è cremosa, tenera, zuccherina e ricorda un mix dei migliori frutti tropicali. Ma anche una via di mezzo tra noce, mandorla, formaggio stagionato, zucca, papaya, caffè, caramello.

Questo frutto può arrivare a pesare 8 kg, ma la porzione commestibile rappresenta circa il 30% del peso e il suo gusto unisce insieme sapori dolci e piccanti.

Che odore ha e perché è così puzzolente? 

Questo frutto ha un odore molto intenso, pungente e soprattutto sgradevole. Per questo motivo nel mondo orientale non può essere consumato sui mezzi pubblici e negli hotel di alcuni Paesi.

Il cattivo odore è dovuto a tioli, esteri, acido solfidrico e solfiti molto volatili che in questo frutto sono presenti in quantità rilevanti.