Ansia: si può morire di panico?

Guida Guida

Spesso chi soffre d'ansia non impiega molto tempo ad entrare nel mondo degli attacchi di panico. Un mondo dal quale, senza un aiuto, è difficile uscire. Inoltre, il panico puà avere conseguenze anche sul sistema immunitario e, quindi, sulla salute.

Molte sono le domande ricorrenti poste da chi soffre di ansia, ma quella più gettonata è relativa alla possibilità di morire per via di un attacco di panico.

Colui che soffre d’ansia, anzi, è spesso convinto che il panico possa portare a ulteriori e diversificati problemi: impazzire, soffocare, essere in balia degli altri, e così via.

Ecco perché è importante che si sappia che di panico non si muore e tantomeno si impazzisce:

questa informazione in alcuni casi permette di normalizzare il sentire dell’individuo abbassando lo stato d’allerta.

La paura che si prova, tuttavia, è giustificata e deriva dai segnali collegati al panico (mancanza d’aria, senso di svenimento, tremori, sudorazione, vampate di calore, palpitazioni) i quali danno la sensazione di essere sul punto di morte.
Spesso questi sintomi spingono la persona a recarsi al pronto soccorso o a effettuare una lunga serie di controlli medici, sentendosi dire che si è trattato di un falso allarme.

Così come d’ansia non si muore, allo stesso modo l’ansia non rende pazzi, sebbene possa dare la sensazione di non aver più il controllo di se stessi e delle proprie reazioni.

La paura di impazzire è, infatti, un altro sintomo caratteristico degli attacchi di panico. Questo timore, come quello di morire, tende ad aumentare quando si cerca di controllare volontariamente le reazioni fisiche e i pensieri connessi all’ansia: ci si trova pertanto nel caso in cui il troppo controllo porta paradossalmente alla sua completa perdita.

Se l’ansia non ci uccide, tuttavia, non possiamo nemmeno dire che ci fortifichi quando troppo prolungata nel tempo: il sistema immunitario si indebolisce e lo stress causato dall’ansia facilita la possibilità di ammalarsi trasformando la quotidianità in una prigione logorante.


© creative soul - Fotolia.com

 

Approfondisci su YouTube

Segui lo psicologo Luca Mazzucchelli anche su YouTube e approfondisci gli argomenti trattati

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Salute e benessere
SEGUICI