Amore

Come capire se è l'uomo giusto (seconda parte)

Abbiaamo già affontato l'argomento in una prima parte: vediamo quali altre domande dobbiamo porci per capire se lui è quello giusto

Abbiaamo già affontato l'argomento in una prima parte: vediamo quali altre domande dobbiamo porci per capire se lui è quello giusto

Che domande porsi per capire se l’uomo che si è scelto è davvero quello giusto? Come capire se la coppia ha le carte in regola? Come abbiamo descritto nella prima parte di questa guida, Susan Swimmer nel suo libro “Is he the One?” individua ben 101 domande da porsi per capire se lui è o non è quello giusto. Quando si sta insieme da poco con una persona, non si hanno ancora tutti gli elementi per riuscire a capire se si tratta di quello giusto. Ci sono delle domande che ci possono aiutare in questa fase iniziale: ecco alcune da porsi, oltre a quelle di cui abbiamo già scritto in precedenza.

Sa mantenere un segreto?

Ci sono cose che non si possono rivelare al primo che capita per questo è importante che ci si rispetti a vicenda, che entrambi i partner siano concordi su questo aspetto

Bacia con fermezza?

Un bacio senza impegno è come una stretta di mano data senza convinzione, fredda e molliccia. Anche il bacio più tenero ha bisogno di una certa sicurezza

Vi ha visto nelle peggiori condizioni?

Se un uomo è riuscito a superare indennemente i momenti in cui eravate spettinate, in tuta, senza trucco, quindi non nella forma smagliante con cui vi ha conosciute, è sicuramente un uomo da tenersi stretto.

È una persona divertente?

Se è un uomo allegro, se ama la vita, se ride alle battute, se ama la buona cucina, se ama divertirsi, è sicuramente un punto a suo favore. La leggerezza adolescenziale che mantiene può sicuramente trascinare anche voi e rendere certi momenti molto più facili e spensierati