Perché le donne (in amore) sono competitive tra loro?

Domande Domande & Risposte

Ci sono donne che si conoscono e raggiungono una complicità e un’intesa così potente che nessuna relazione con un uomo potrà mai eguagliare. Ci sono donne che si incontrano e non fanno neanche lo sforzo di conoscersi. Scatta una competizione esagerata, alla conquista di un premio non definito, in una gara dove non ci sono né vincitori né vinti, ma solo un grandissimo e irrisolvibile quesito: ma perché?

Le donne sono competitive fra loro. Lo sono principalmente in amore, come se il numero di uomini sulla terra fosse in proporzione ridotto rispetto alla presenza di esemplari di genere femminile. Ma lo sono anche in altri contesti sociali, tipo quello lavorativo. Ma perché le donne (alcune, almeno) si mettono in competizione senza un vero motivo?

Psicologia della donna competitiva

Cosa spinge una donna a odiarne un’altra senza reali motivazioni e a dare il via a una competizione nella quale vince chi riceve più complimenti o apprezzamenti dal genere maschile o, nei casi peggiori, chi riesce a mettere più in difficoltà l’altra? Volendo tracciare un quadro psicologico della donna competitiva per eccellenza, i suoi sforzi per emergere a danno delle altre derivano da un senso di inferiorità e insicurezza nei confronti delle altre.

Questo complesso di inferiorità si trasforma nel tentativo di prevalere sulle altre femmine, per riuscire a compensare le proprie mancanze e sentirsi meglio, al quale segue un iter di dispetti e comportamenti subdoli che difficilmente troveranno uno stop. Una lotta contro la vita, nella pratica, dove l’io cerca di affermarsi sul resto del mondo dotato di vagina, nel vano tentativo di far soccombere ciò che inconsciamente è considerato migliore di sé. Spesso non è la mancanza di bellezza esteriore che fa diventare le donne invidiose delle altre, quanto l’insicurezza verso le proprie capacità. O la consapevolezza di non essere particolarmente brillanti e di voler emergere sminuendo gli altri. Si odia qualcuno per compensare una mancanza, in parole semplici.

Foto: Antonio Guillem © 123RF.com

Come reagire di fronte a una donna competitiva?

Una donna che sta distruggendo a suon di dispetti un’altra donna sta solo cercando di difendersi dal fatto che non potrà mai possedere le qualità della persona invidiata. Trovarsi in una situazione di rivalità feroce con un’altra donna può essere una carezza alla propria autostima, ma col trascorrere del tempo può diventare fastidiosa e difficile da gestire.

Dato che per alcune donne la competizione diventa una giostra dalla quale è impossibile scendere, un meccanismo impazzito difficile da disinnescare, la migliore strategia non è l’attacco. Bisogna affrontare queste persone con un’arma alla quale non sono mai state abituate: il dialogo. Provare a capire cosa le faccia scattare e se esista un modo per rendere la loro presenza nelle nostre vite più sopportabile. Se questa strada non dovesse funzionare, be’, la sublime arte dell’indifferenza potrebbe, pian piano, dare i suoi frutti.

Foto apertura: Katarzyna Białasiewicz © 123RF.com

CHIEDI A DEABYDAY
La riposta non ti soddisfa? Chiedi nuovamente a DeAbyDay
Chiedi
Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Amore e coppia
SEGUICI