Giardinaggio

5 fiori rari di primavera

 Dalla Rosa Garden Club Biella, creduta istinta e poi riscoperta per caso, fino al tulipano rosso di Taurisano, che conquistò i Paesi Bassi. 

 Dalla Rosa Garden Club Biella, creduta istinta e poi riscoperta per caso, fino al tulipano rosso di Taurisano, che conquistò i Paesi Bassi. 

Margherite e tulipani, narcisi e violette, primule e camelie, ma anche gelsomini, glicini e gerbere. Tutti nomi di fiori comuni che sbocciano in primavera, rendendo il mondo più colorato. Anzi, variegato: secondo gli scienziati, esistono infatti oltre 270 mila tipi di fiori e c’è chi ritiene che, sparsi nelle regioni più remote del pianeta, ce ne sia un altro 15% ancora da scoprire. Per vari motivi (su tutti la mancanza di insetti impollinatori) alcuni di essi trovano difficoltà a riprodursi in natura, per cui risultano molto difficili da ammirare: ecco cinque fiori rari di primavera.

5. Rosa Garden Club Biella

Foto: @Comune di Biella

Tra le tipologie più rare al mondo c’è la rosa rampicante Garden Club Biella. Corolla color rubino e petali carnosi, era ritenuta scomparsa. Poi, nel 1991, la giornalista e appassionata di botanica Mimma Pallavicini ne scovò un esemplare nel giardino della casa che aveva appena acquistato a Donato, comune a ridosso delle Prealpi Biellesi.

4. Silene Tomentosa

Foto: @Bart Van Thienen

Non sarà difficile da vedere come il kadupul, specie di cactus con fiori che sbocciano di notte e solo una volta all'anno, ma anche la silene tomentosa è piuttosto rara. Alta circa 40 cm, ha fiori bilobati che vanno dal rosa al viola pallido ed è endemica di Gibilterra: creduta estinta nel 1992, fu ‘ritrovata’ due anni dopo nell’Upper Rock Nature Reserve, celebre per la sua colonia di bertucce.

3. Franklinia

Foto: Mariusz Jurgielewicz@123rf.com

La franklinia, originaria della valle del fiume Altamaha in Georgia, negli Stati Uniti sud-orientali, è oggi estinta allo stato naturale: davvero difficile dunque ammirare i suoi fiori solitari, a coppa, con cinque petali bianchi e vistosi stami gialli. Due tra gli esemplari più antichi e belli di franklinia si possono ammirare all'Arnold Arboretum di Boston: vi sono stati piantati nel 1905, provenienti da talee prelevate in un vivaio della Pennsylvania più di 20 anni prima.

2. Fior di cioccolato

Foto: Peter Mooij@123rf.com

Il Cosmos atrosanguineus, questo il nome scientifico della pianta, ha foglie di colore verde scuro e fiori di un insolito marrone-porpora, che sprigionano un inebriante odore di cioccolato. Nativo del Messico, viene coltivato dal 1902: usato come pianta ornamentale, il fior di cioccolato non è auto-fertile e non esistono semi, dunque deve essere propagata mediante la divisione delle radici.

1. Tulipano rosso di Taurisano

Tra i nomi rarissimi di questa lista ci sono poi i tulipani rossi di Taurisano, fiore autoctono del Salento ma molto difficile da rintracciare, al punto che nel 2016 ha fatto notizia il ritrovamento di alcuni esemplari. Se non il fiore più bello al mondo, poco ci manca: secoli fa conquistò i Paesi Bassi, che hanno proprio in questo fiore il loro simbolo.