Come si alimenta la stufa

Guida Guida

Cerca di dosare la legna in modo che il calore rimanga costante: ecco il modo giusto di alimentare una stufa.

Cerca di dosare la legna in modo che il calore rimanga costante: ecco il modo giusto di alimentare una stufa.
Ti potrebbero interessare

Una volta che sei riuscito ad accendere una stufa a legna, non è semplice far si che la fiamma rimanga sostenuta: occorre effettuare nuove ricariche per impedire che il fuoco si affievolisca. Devi cercare di dosare le nuove ricariche di legna in modo che il calore rimanga costante: vediamo il modo giusto per alimentare una stufa.

Prova ad aggiungere la legna quando la carica preesistente è bruciata per due terzi ma cerca di inserire una ricarica completa e non un singolo pezzo di legno alla volta aprendo di continuo lo sportello del carico di combustibile. Effettuando una carica completa favorisci il mantenimento costante della fiamma e del calore, riduci la formazione di condensa, diminuisci la formazione di fuliggine e minimizzi le emissione nocive di gas incombusti.

Presta attenzione al tipo di legna che introduci nella stufa: deve essere ben asciutta e stagionata oltre che tagliata in pezzi dalla dimensioni giuste per poter passare dallo sportello della stufa. Nel legno non ci devono essere chiodi né lamine o altri materiali, e ovviamente non deve essere stato trattato con vernici, oli o altre sostanze sintetiche infiammabili.

Non bruciare mai prodotti destinati al reciclaggio: è assolutamente vietato buttare sostanze sintetiche, tetrapack, pellicole trasparenti o di alluminio, sacchetti di plastica poiché, bruciando, emettono sostanze nocive come la diossina

E’ sempre consigliabile tenere la stufa accesa quando sei vigile e presente nel locale in modo da avere un controllo diretto sulla fiamma, ecco perché quando sai di dover uscire per diverse ore oppure quando stai per andare a dormire, ti conviene sospendere in anticipo l’immissione di nuovi carichi di legna: in questo modo la fiamma tenderà ad affievolirsi e la brace brucerà lentamente rilasciando calore, se poi lasci tutti gli sportelli chiusi prolungherai al massimo il calore della stufa.

Il giorno dopo, al mattino, quando devi accendere la stufa, provvedi a ripulire la camera di combustione e il cassetto raccoglicenere altrimenti l’accensione risulterà difficoltosa: ricorda che puoi usare la cenere per concimare il terreno dell’orto o del giardino.

Foto © maho - Fotolia.com

Legna da ardere

Per essere certo che la legna sia ben asciutta portala in casa almeno due giorni prima del suo effettivo utilizzo

Casa e fai da te
SEGUICI