Pulizia della casa: gli errori da non fare

Quasi sempre spruzziamo i detergenti sulle varie superfici, sbagliando. E non è vero che le finestre si puliscono meglio nelle giornate di sole. Ecco alcuni preziosi consigli per le faccende domestiche.

Quasi sempre spruzziamo i detergenti sulle varie superfici, sbagliando. E non è vero che le finestre si puliscono meglio nelle giornate di sole. Ecco alcuni preziosi consigli per le faccende domestiche.
Ti potrebbero interessare

Le facciamo forse non tutti i giorni, ma quasi. A volte per ore, in altri casi ‘a pezzi’. Da soli oppure in compagnia. Ma se vogliamo vivere in un ambiente in ordine, sano e presentabile, davvero non possiamo rinunciarci. Stiamo ovviamente parlando delle pulizie di casa, durante le quali spesso facciamo errori banali, facilmente evitabili. Ecco i principali.

Iniziare dal basso

Ma cominciare a pulire dal basso. Se utilizziamo la scopa e l’aspirapolvere per primi, facciamo fatica per niente, dato che poi lo sporco durante il resto della pulizia cadrà di nuovo sul pavimento. Durante la pulizia della casa è dunque fondamentale iniziare dall’alto: lampadari, finestre, mensole, poltrone e poi via via sempre più giù, fino a dove mettiamo i piedi.

Spolverare con il piumino

Il secondo errore è strettamente collegato al primo. Sbagliamo infatti quando utilizziamo un piumino per spolverare i mobili, le mensole, i tavoli e tutti gli oggetti appoggiati su queste superfici. Banalmente, in questo modo non eliminiamo la polvere, ma la spostiamo solamente da un posto all’altro. Dunque, no al piumino e sì invece al panno in microfibra (e persino quelli di carta usa e getta). A patto, però, di non utilizzare lo stesso straccio per tutte le superfici.

Foto: pascalhelmer@pixabay.com

Spruzzare il detergente

I prodotti per la pulizia non andrebbero spruzzati direttamente sulle superfici: un accumulo di detergente attira infatti ancor più sporcizia e polvere. Insomma, pensando di fare la cosa migliore (ovvia, persino), capita spesso di sbagliare: meglio invece spruzzare il detergente su un panno.

Utilizzare lo stesso prodotto ovunque

Nessuno pulisce i vetri con lo stesso detergente usato per il bidet. Ma non è l’unica distinzione da fare. Ogni superficie richiede infatti uno specifico prodotto, a seconda del materiale. Anche solo acqua, come nel caso dei mobili in legno, da pulire semplicemente con un panno appena umido data la loro delicatezza. I tradizionali detergenti multiuso non sono poi adatti per gli schermi di televisori  (e pc, tablet, smartphone). Per pulire questi dispositivi l’ideale è un panno in microfibra bagnato appena in una soluzione, in parti uguali, di acqua e aceto.

Pulire le finestre quando c’è sole

No, i vetri delle finestre non si puliscono meglio nella giornate di sole, solo perché si vedono meglio impronte e aloni vari. A causa del calore e della luce, infatti, i prodotti per la pulizia evaporano troppo rapidamente, lasciando proprio quelle striature che cerchiamo sempre di non creare sulle superfici in vetro. Meglio pulire le finestre di mattina presto oppure quando è nuvoloso.

Foto apertura: mohamed_hassan@pixabay.com 

Casa e fai da te
SEGUICI