Come sistemare i canarini quando si va in vacanza

Guida Guida

L'estate è arrivata e con lei il tempo di organizzare viaggi e vacanze: grandi pulizie in casa, valigie da preparare, …canarini da sistemare. Ecco, appunto, come sistemiamo i canarini se dobbiamo assentarci per un lungo periodo? In questa guida tutte le alternative per non fare l'errore di portarseli dietro.

L’estate è entrata nel vivo e voi state cominciando a pregustare il momento della partenza per le agognate ferie. Basta gite fuori porta e weekend al mare o in montagna vicino casa che vi permettevano di lasciare la casa com’era con dentro i vostri amati canarini in tutta sicurezza. Già, i canarini! Adesso si farà sul serio: grandi pulizie, valigie da preparare e canarini da sistemare!

Quando si parla di animali e vacanze si danno sempre tanti consigli per portare con sé cani e gatti o per sistemarli in pensione. Mai nessuno che spieghi il modo migliore per gestire anche gli altri piccoli amici.

Se state pensando di portare i vostri canarini in vacanza con voi quest’anno, spinti da un improvviso senso di colpa, scordatevelo! Non fareste affatto il loro bene

Il viaggio, l’ambiente poco familiare, il rumore e soprattutto i numerosi nuovi stimoli, rischierebbero di stressare questi animali di per sè molto paurosi. Dunque,

Che fare?

  • Pensarci prima: è banale ma bisognerebbe essere lungimiranti anche quando si decide di adottare un animale per certi aspetti “meno impegnativo” come il canarino. Una persona responsabile che decide di tenere dei canarini deve assicurarsi, prima di procedere all'acquisto, di avere una soluzione anche nell’eventualità di doversi assentare da casa per periodi piuttosto lunghi, visto che è impensabile portarseli dietro se il trasloco non è definitivo.
  • Evitategli ogni tipo di stress: per lo stesso motivo per cui non potete portare i canarini in vacanza con voi (sono troppo stressabili) dovrete trovare una soluzione alternativa che causi a questi animali il minor disagio possibile: cambiamenti di casa o stanza, tipo di alimentazione, orari e abitudini sono da evitare. E perfino le persone che se ne dovranno occupare non dovrebbero essere del tutto sconosciute ai piccoli uccellini.
  • Istruite queste persone sulle abitudini dei vostri canarini e chiedetegli di prendersi tempo per loro: anche durante la vostra assenza sarà importante infatti non limitarsi a riempire mangiatoie e beverini ma osservarli ogni giorno, poiché può anche capitare che un canarino si ammali o si ferisca proprio in quel periodo.
  • Prendete anche provvedimenti nell'eventualità che un canarino debba essere portato dal veterinario in vostra assenza: preparate una piccola scatola per il trasporto, fornite il recapito telefonico del veterinario alla persona cui affidate gli animali e mostratele come far uscire con delicatezza il canarino dalla gabbia e porlo all'interno della scatola (vedi DEATIPS). L’importante è maneggiarli con cura per non fare danni e affidarsi a un esperto in animali esotici.

A chi rivolgersi

  • Amici e parenti: viste queste premesse va da sé che la soluzione migliore sarebbe poterli lasciare nell'ambiente a loro familiare e affidarli a persone che già conoscono.
  • Associazioni o enti: se siete membri di un'associazione di detentori di uccelli, potreste mettervi d'accordo con altri membri per prendervi cura de rispettivi uccelli, avreste la certezza di affidare i vostri amici a qualcuno che conosce la specie e la ama. In alternativa queste associazioni potranno aiutarvi a mettervi in contatto con persone fidate che accudiscono animali.


 

photo credit: Juan Jose Ferres 「たんぽぽ」 via photo pin cc

Trasporto d’emergenza

Per il trasporto dal veterinario di un canarino ferito o malato è sufficiente una scatolina. Una scatola qualsiasi anche di scarpe andrà benissimo. L’importante è che sia grande abbastanza, abbia dei piccoli forellini e che il canarino vi venga messo con tutta la delicatezza possibile.

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Animali e cuccioli
SEGUICI