5 sintomi che indicano che il gatto sta morendo

Classifica Classifica

Capire quando un gatto sta per morire può non essere semplice: scopri quali sono i sintomi che devono allarmarti, per poterlo aiutare fino agli ultimi istanti. 

Ti potrebbero interessare

Anche se i gatti possono vivere fino a 17 anni, e talvolta raggiungere addirittura i 20 anni, prima o poi arriva il momento di doversi separare da loro. I gatti tendono a nascondere bene i segni di dolore e sofferenza e, a meno che non compaiano sintomi fisici evidenti come convulsioni, sangue, vomito e diarrea, diventa difficile accorgersi che il loro stato di salute sta peggiorando.

I sintomi che indicano che il tuo gatto sta morendo

Se il tuo gatto è anziano oppure soffre di una grave patologia, presta attenzione a tutta una serie di sintomi in modo da capire subito quando rivolgerti al veterinario e come comportarti per assisterlo al meglio alla fine.

5. Non si lecca più

I gatti amano pulirsi, leccandosi le zampe e il pelo: se smettono di farlo, significa che qualcosa non va. La perdita di questa abitudine, molto importante per i gatti, è indicativa del fatto che il micio non sta per niente bene ed è il caso di appurare con il veterinario, se ci sono gravi problemi salute che possono volgere al peggio.

4. Comportamento insolito

Se il micio inizia a mostrare problemi comportamentali come una maggiore irritabilità oppure si dimostra depresso, significa che non sta affatto bene e occorre consultare un veterinario. Non necessariamente il cambiamento di comportamento e di carattere, implica che il gatto stia per morire ma di solito, nei gatti prossimi alla morte, si notano significative variazioni di comportamento e di umore.

3. Alterazione dei parametri vitali

L’alterazione della temperatura corporea e variazioni della frequenza respiratoria e cardiaca, si verificano quando il gatto sta per morire. Se ti accorgi che uno di questi parametri vitali è alterato, consulta subito il veterinario.

2. Digiuno

Il gatto che non mangia e non beve è un animale che non sta bene: l’assenza di appetito e la disidratazione sono due segnali inconfondibili che si sta avvicinando la fine. A nulla servono cambiamenti alla dieta, magari con l’introduzione di nuovi golosi alimenti, e quindi è necessario rivolgersi al veterinario di fiducia che cercherà di mantenere il gatto idratato.

1. Tendenza a isolarsi

Quando il gatto si rifugia da qualche parte, mantenendosi a distanza da te, vuol dire che non sta affatto bene. Un gatto che si sente vulnerabile e che cerca di nascondersi, deve metterti in allarme, perché significa che potrebbe avvicinarsi il momento della sua morte.

Animali e cuccioli
SEGUICI