Come abituare il gatto a viaggiare nel trasportino

Guida Guida

L'andamento del viaggio e della vacanza di tutta la famiglia che si muove con gatto al seguito dipende da come viene vissuto il momento dell’ingresso del micio nel trasportino. Ecco come convincere anche i gatti più restii a entrare senza fare storie.

L'andamento del viaggio e della vacanza di tutta la famiglia che si muove con gatto al seguito dipende da come viene vissuto il momento dell’ingresso del micio nel trasportino. Ecco come convincere anche i gatti più restii a entrare senza fare storie.

L'inizio delle vacanze con gatto al seguito coincide con il suo ingresso nel trasportino. Sembra facile, ma non lo è affatto. Questo momento, come molti proprietari di gatti ben sanno, può essere, infatti, molto faticoso e stressante. E non solo per il micio che fa il diavolo a quattro pur di non entrare nell’odiato trasportino. L'andamento del viaggio e dell'intera vacanza di tutta la famiglia dipendono da come verrà vissuto questo momento.

Come fare per evitare di mettersi tutti subito nella posizione d’animo peggiore possibile? Aiutando il gatto a familiarizzare con il trasportino.

Il trasportino deve essere visto dal gatto come una piccola casa viaggiante

  1. Evitate il gioco di forza: sfidarlo a chi è più furbo o più forte e avrà la meglio lanciandosi in interminabili battute di “caccia al gatto” per la casa non è consigliabile, altrimenti assocerà al trasporto un'emozione negativa e cercare di farlo entrare diventerà sempre più difficile e stressante per tutti.
  2. Convincetelo a vedere il trasportino come un oggetto amico: anziché riporlo da qualche parte per tirarlo fuori solo per i viaggi dal veterinario o per le vacanze una volta l’anno, lasciatelo sempre a disposizione del vostro gatto con la porticina aperta, metteteci dentro una copertina, un morbido cuscino e i suoi giochi, tenetelo ben pulito e vedrete che comincerà ad associarlo a un altro pezzetto “viaggiante” della sua casa.
  3. Rinforzate la sua abitudine a entrare nel trasportino prima di effettuare un lungo viaggio: in prossimità del giorno della partenza lanciate giochini e piccole leccornie al suo interno in modo che ci entri più spesso.
  4. Fategli fare brevi assaggi di viaggio: durante tutto l’anno abituate il gatto a viaggiare facendogli fare brevi tragitti in macchina e nei giorni che precedono la partenza per le ferie intensificate un po’ questo training, giusto per ricordargli che nel trasportino si può anche viaggiare.
  5. Usate i feromoni: un consiglio valido per tutti ma soprattutto per chi ha gatti particolarmente restii a vedere il trasportino come un oggetto amico o per chi non ha più molto tempo per convincerlo è quello di vaporizzare i feromoni di sintesi nel trasportino. Poco prima della partenza portate il trasportino all'esterno dell'abitazione per fare in modo che sia proprio questo ad attrarre il gatto e spruzzategli dentro il prodotto per due o tre volte, lasciatelo all'esterno per venti minuti circa e quindi fateci entrare il gatto. Lo aiuterà ad affrontare la partenza per le vacanze con più serenità.


photo credit: massdistraction via photo pin cc

 

Se all’arrivo a destinazione il gatto non vuole uscire dal trasportino non preoccupatevi: è normale che sia frastornato per il viaggio. Aprite il trasportino e lasciate che il vostro amico esplori con tutta calma. Rassicuratelo con voce suadente e carezze, ma senza insistere tirandolo fuori con la forza. E usate, eventualmente, un diffusore di feromoni di sintesi da applicare alla presa di corrente per facilitar l'adattamento al nuovo ambiente.

Animali e cuccioli
SEGUICI