Come riconoscere e differenziare gli imballaggi: le novità Ecolabel

Guida Guida

Ecolabel aggiorna i criteri per la raccolta differenziata degli imballaggi, scopriamone le principali novità

Ecolabel aggiorna i criteri per la raccolta differenziata degli imballaggi, scopriamone le principali novità
Ti potrebbero interessare

Novità in campo di raccolta differenziata: da alcune settimane sono arrivate nuove direttive per la raccolta differenziata degli imballaggi, un terreno costellato di difficoltà per chi di noi ha a che fare ogni giorno con la separazione dei rifiuti.

Comieco ha infatti aggiornato i criteri per ottenere il marchio Ecolabel, ovvero per la produzione di imballaggi sostenibili e riciclabili.

Affinché un prodotto possa ricevere il marchio Ecolabel, i suoi produttori dovranno fornire una documentazione precisa sulla provenienza e la composizione degli imballaggi, costituita da elementi, destinazione, stabilità e idoneità a diversi usi.

Marchio Ecolabel, cosa indica?

Questi requisiti vengono analizzati e solo alcuni imballaggi ottengono il marchio Ecolabel, un simbolo che ci permette di riconoscere tramite una sola occhiata i prodotti la cui confezione rispetta davvero l'ambiente.

Quando andiamo al supermercato, pochi secondi in più davanti agli scaffali ci permetteranno di portare a casa solo prodotti che non danneggiano l'ambiente, la cui produzione non ha consumato troppe risorse né ha disperso in ambiente sostanze dannose, quelli contrassegnati dal marchio Ecolabel. Sempre più spesso i prodotti con marchio Ecolabel non sono i più costosi, anzi si contraddistinguono per una competitività ambientale ed economica.

Per un approfondimento, si può scaricare la guida completa clickando qui.

Ecologia e ambiente
SEGUICI