Il lato oscuro delle mascherine, trappola per pesci e uccelli

Notizia Notizia

Fondamentali per contenere il contagio da coronavirus, le mascherine si stanno rivelando trappole mortali per gli animali se non smaltite correttamente. 

In questi mesi di emergenza, abbiamo imparato a distinguere i vari modelli di mascherine e a usarle per contrastare la diffusione del Covid-19 ma questi dispositivi, se non smaltiti correttamente, possono trasformarsi in trappole mortali per pesci ed uccelli.

Guanti e mascherine: una minaccia globale

In tutto il pianeta sono stati diffusi centinaia di milioni di dispositivi di sicurezza tra mascherine e guanti in lattice e purtroppo una buona parte di essi sono stati buttati a terra, determinando un nuovo tipo di inquinamento ambientale.

Molti guanti e mascherine sono finiti nelle acque di mari e oceani, causando la morte di pesci e altri animali marini, oppure sono finiti nei boschi e nelle foreste, divenendo una minaccia letale per gli uccelli.

Mascherine e animali: un’immagine shock

Mascherine pericolose per gli animali

Foto: Facebook @Sandra Denisuk

È di poche settimane fa l’immagine toccante, diffusa su Facebook da una donna canadese, Sandra Denisuk, di un uccellino rimasto imprigionato nell’elastico di una mascherina.

L’agonia dell’animale, che è rimasto impigliato su un albero nell'area di Harrison Hot Springs, nella Columbia Britannica in Canada, è durata due giorni: la notizia si è diffusa sui social immediatamente, segnalando il nuovo tipo di inquinamento ambientale, nato dalla pandemia di coronavirus.

Guanti e mascherine: perché sono pericolose

Guanti e mascherine protettive sono per la maggior parte, costituite da plastica e non sono biodegradabili perciò, se abbandonate nell’ambiente, possono resistere anche per diversi decenni.

Inoltre essendo prodotti molto fragili e leggeri, si possono sfaldare in frammenti più piccoli che possono essere ingeriti da pesci ed uccelli.

Nel caso delle mascherine poi, gli elastici possono diventare dei veri e propri cappi al collo che fanno morire lentamente l’animale per asfissia.

Gettare le mascherine per terra: un atto incivile

Gettare guanti e mascherine per terra non solo è un atto di maleducazione e inciviltà, perché si inquina l’ambiente, ma è anche un comportamento rischioso per tutti noi e per gli animali.

Come ha dichiarato la presidente del Wwf Italia, Donatella Bianchi: «È necessario che i cittadini italiani si dimostrino responsabili nella gestione dei dispositivi di protezione individuale che vanno smaltiti correttamente e non dispersi in natura», perché la loro dispersione ha un impatto devastante sui nostri ambienti naturali.

Foto apertura: Facebook @Sandra Denisuk

Ecologia e ambiente
SEGUICI