Carenza vitamina D nei bambini: cause, sintomi e rimedi

Guida Guida

La vitamina D è un elemento fondamentale per il corretto sviluppo delle ossa e dell'apparato neuromuscolare: ecco tutto quello che c'è da sapere.

La vitamina D è un elemento fondamentale per il corretto sviluppo delle ossa e dell'apparato neuromuscolare: ecco tutto quello che c'è da sapere.

Con l’arrivo dell’inverno, è importante iniziare a fare scorta di vitamine per rafforzare le difese immunitarie. E la carenza di vitamina D, che l’organismo produce con l’esposizione alla luce del sole, è uno dei disturbi più frequenti, soprattutto perché nella stagione più fredda le ore di luce diminuiscono e si passa meno tempo all’aria aperta. Alimenti che contengono vitamine e integratori alimentari possono aiutare, ma prima di “autodiagnosticare” una vitamina d3 bassa e comportarsi di conseguenza è importante capire che cos’è esattamente la vitamina D e cosa fa per l’organismo.

Vitamina D: perché è importante

La vitamina D, che viene normalmente prodotta dalla pelle, è fondamentale in particolare per il deposito del calcio nelle ossa e il loro sviluppo, e la sua carenza può favorire lo sviluppo di patologie come il rachitismo e l’osteoporosi.

La vitamina D è essenziale per consentire all’intestino ad assorbire il calcio e ai reni di riassorbire il calcio e il fosforo. Recenti studi hanno suggerito anche come la vitamina D promuova il funzionamento del sistema immunitario e alcune funzioni neuromuscolari.

Da cosa dipende la carenza di vitamina D nei bambini

La carenza di vitamina D nei bambini dipende principalmente da una mancata esposizione ai raggi solari e da un’alimentazione inadeguata. Al giorno d’oggi, infatti, i bambini trascorrono moltissime ore in ambienti chiusi, a scuola e a casa, o davanti a schermi. Molte attività sportive si svolgono inoltre in ambienti chiusi, e in inverno soprattutto, con temperature basse e giornate più corte, le ore di sole si riducono drasticamente.

Foto: Tatjana Baibakova © 123RF.COM

Carenza vitamina D nei bambini: le cause

Come detto, la mancanza di vitamina D nei bambini è strettamente legata alla mancata produzione da parte della pelle, stimolata dai raggi solari e dalle radiazioni ultraviolette.

Nei primi due anni di vita la carenza di vitamina D si può tradurre in rachitismo, che si manifesta solitamente con un ingrossamento dei polsi e delle caviglie, la comparsa di nodosità al torace (il cosiddetto "rosario rachitico"), il rammollimento delle ossa del cranio (cranio "a pallina di ping pong") e l'incurvamento delle ossa lunghe degli arti inferiori.

Nelle età successive, la carenza di vitamina D si manifesta con debolezza muscolare, diminuzione della densità ossea e un aumento del rischio di fratture.

Carenza vitamina D nei bambini: rimedi

Il miglior rimedio per supplire alla mancanza di vitamina D è sicuramente fare il pieno, quando possibile, di raggi solari (ovviamente con la dovuta protezione).

In aggiunta è possibile aiutare l’organismo con l’alimentazione, assicurando il giusto apporto di vitamina D con particolari cibi tra cui il pesce grasso come il salmone, le aringhe, le sardine e il fegato di pesce (olio di fegato di merluzzo), il tonno in scatola, il tuorlo d'uovo, il burro, le verdure a foglia verde e alimenti addizionati con vitamina D come alcuni tipi di latte, e ancora e formaggio fresco o stagionato.

Foto apertura: Aleksandr Davydov  © 123RF.COM

Genitori e bambini
SEGUICI