Come prevenire i disturbi della tiroide di mamme e bambini

Guida Guida

I disturbi alla tiroide sono in aumento: ecco i rischi per i bambini e le donne in gravidanza.

Negli ultimi anni i casi di disturbi alla tiroide sono aumentati in modo significativo nella popolazione.

Non solo, anche se gli studi scientifici si sono concentrati più sui disturbi degli adulti, in realtà è tutta la popolazione ad essere a rischio, anzi, soprattutto i bambini e le donne in gravidanza.

La tiroide è un organo molto importante e, quando si ammala, le conseguenze possono essere gravi.

Le cause principali dei disturbi alla tiroide sono le sostanze chimiche, in particolare quelle presenti nella plastica e in una serie di prodotti di pulizia: praticamente in tutto quello che teniamo quotidianamente nelle nostre case.

Le due sostanze killer per la tiroide sono innanzitutto i Ftalati e il Bisfenolo A


Quando la tiroide si ammala le conseguenze sono molto serie perché l'organo gestisce il sistema endocrino, il sistema riproduttivo  e in generale l'equilibrio psico-fisico.

Gli scienziati dell'Università del Michigan hanno infatti potuto dimostrare una correlazione tra Ftalati e danni alla tiroide. In particolare hanno rilevato una connessione diretta tra le più serie disfunzioni della tiroide e  un tipo di Ftalato, cioè il DEHP .

Il  DEHP, o diottilftalato, viene definito un distruttore endocrino. Il suo livello di tossicità è altissimo e devastante su molte ghiandole umane e animali.

Nonostante questo, nell'industria viene utilizzato come plastificante.

Non solo, la cosa più grave è che gli scienziati hanno potuto verificare che il contatto con questo veleno, avviene soprattutto attraverso l'alimentazione.

Ingeriamo DEHP senza accorgercene, attraverso cibi preparati in contenitori plastici o contaminati da prodotti chimici.

La buona notizia però è che in Europa il DEHP è vietato nella produzione di giocattoli e in quella di prodotti destinati ad essere utilizzati al chiuso.

Negli Stati Uniti invece e, dobbiamo immaginare, anche in altri paesi extra-europei, questo divieto non c'è.

Esclusi giocattoli e oggetti per la casa (se prodotti secondo la Legge), tutti i prodotti in plastica da cui siamo circondati, compresi i gonfiabili per bambini che sono nei parchi, sono fonti di DEHP e di altri ftalati.

Come ci si può difendere?

Innanzitutto scegliendo di acquistare prodotti realizzati con materiali naturali.

Poi, verificando tutti gli oggetti e prodotti che abbiamo in casa, anche i giocattoli dei bambini, seguendo le tabelle che vi abbiamo indicato nella scheda dedicata al Bisfenolo: la trovate qui.

Acquistando con attenzione gli alimenti e dando la preferenza a prodotti freschi che non siano confezionati in plastiche rigide e/o sospette

Eliminando dalle nostre case tutti quei prodotti chimici, oggetti e stoviglie pericolose prodotti fuori dei confini europei, o di bassa qualità, o in cattivo stato d'uso.

Infine rivolgendosi agli specialisti della tiroide.

Per approfondire, potete consultare il sito delle Unità di EdocinoChirurgia: www.clubdelleuec.it

Foto: geoftheref-flickr

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Genitori e bambini
SEGUICI