Malattie sessualmente trasmissibili: cos'è e come si trasmette l'herpes genitale

Guida Guida

È causato da un virus e non ha una cura definitiva. Scopriamo insieme come prevenire una delle tante malattie sessualmente trasmissibili che si potrebbero contrarre con rapporti non protetti: l'herpes genitale.

È causato da un virus e non ha una cura definitiva. Scopriamo insieme come prevenire una delle tante malattie sessualmente trasmissibili che si potrebbero contrarre con rapporti non protetti: l'herpes genitale.

Fra le malattie sessualmente trasmissibili è incluso anche l'herpes genitale, una patologia che colpisce l'epidermide e le mucose dei genitali. A causarlo è il virus Herpes simplex (Hsv); scopriamo cos'è, come si trasmette, come prevenire l'infezione e come curarla.

Cos'è l'herpes genitale

L'herpes genitale è un'infezione virale causata da un virus di cui esistono diversi ceppi. Quello noto come Hsv-1 infetta in genere i tessuti della bocca e delle labbra, causando l'herpes e la cosiddetta "febbre", può però infettare anche i genitali.

Il ceppo Hsv-2 è invece una causa più frequente di herpes genitale. In genere le infezioni dovute a questa variante del virus Herpes simplex sono più frequenti nelle donne che negli uomini.

Come si trasmette l'herpes genitale

I virus dell'herpes genitale si trasmettono attraverso i rapporti sessuali. L'Hsv-1 può infettare i genitali durante il sesso orale; l'Hsv-2 può invece trasmettersi al contatto con la pelle infetta o attraverso le secrezioni prodotte dalla bocca o dai genitali.

La trasmissione può quindi avvenire per contatto di pelle, vagina, pene o bocca con qualcuno che è già infetto.

La probabilità di trasmissione è maggiore se si entra in contatto con vesciche, lesioni o eruzioni cutanee associate all'infezione, ma il virus può trasmettersi anche in assenza di segnali evidenti della sua presenza; per questo anche persone che non sanno di avere l'herpes genitale potrebbero trasmetterlo.

Foto: Kateryna Kon © 123RF.com

Herpes genitale: cura e prevenzione

Purtroppo non esiste una cura definitiva per l'herpes genitale: anche se i sintomi possono scomparire e non tornare mai più, una volta entrato nell'organismo l'Herpes simplex ci rimane per tutta la vita.

In alcuni casi le ricadute sono frequenti e possono portare con sé sintomi fastidiosi come labbra vaginali gonfie o prurito inguinale maschile.

I farmaci che possono essere prescritti aiutano a ridurre il dolore e i fastidi associati alle riacutizzazioni dell'infezione, e contribuiscono a far guarire più velocemente lesioni come le ulcere vaginali.

Chi è alla ricerca di rimedi veloci all'herpes deve prima di tutto tenere presente che per risolvere il prurito intimo e il bruciore e far scomparire il prima possibile le vesciche è bene assumere questi farmaci non appena iniziano a manifestarsi i primi sintomi.

Chi vuole invece curarlo con rimedi naturali può cercare di alleviare i sintomi con impacchi caldi, ricordando però che è bene mantenere l'area colpita il più possibile asciutta.

Per quanto riguarda gli altri rimedi naturali contro l'herpes, alcuni sembrano non essere realmente efficaci; l'echinacea, per esempio, non sembra aiutare davvero a ridurre le riacutizzazioni.

L'erba Prunella vulgaris e il fungo Rozites caperata contengono invece molecole che potrebbero realmente aiutare a combattere sia l'Hsv-1 sia l'Hsv-2. La scelta migliore è attenersi sempre ai consigli ricevuti dal proprio medico.

Infine, per prevenire l'infezione è necessario avere rapporti con il profilattico ed è bene evitarli se il partner è alle prese con una riacutizzazione dell'infezione.

Foto apertura: Teeramet Thanomkiat © 123RF.com

Salute e benessere
SEGUICI