Come curare un ascesso dentale

Guida Guida

L'ascesso dentale deve essere necessariamente curato da un dentista. Ecco quali sono le possibilità di intervento.

Avere a che fare con un ascesso dentale non è per nulla piacevole e per risolvere il problema è necessario intervenire tempestivamente così da evitare complicanze e dolore.

Cos'è un ascesso dentale

L'ascesso ai denti è un'infezione del cavo orale che può interessare sia i denti che le gengive. Si manifesta attraverso un rigonfiamento doloroso pieno di pus.

In particolare, l'ascesso dentale parodontale è un'infezione a carico della gengiva o dei legamenti; l'ascesso periapicale, invece, è dovuto a un'infezione della polpa dentale.


Da cos'è causato un ascesso ai denti

Le cause di un ascesso dentale possono essere varie: alla base del problema possono esserci una scarsa igiene orale o un consumo eccessivo di zuccheri. La formazione di una carie apre infatti ai batteri la strada verso la polpa del dente e, se non viene affrontata in modo opportuno, può portare alla formazione di un ascesso.

A volte, però, i batteri possono trovare un varco nella frattura o in altri danni alla parte esterna del dente.

Le conseguenze sono sempre le stesse: un gonfiore associato alla presenza di pus. Ma non solo.

Il dente colpito può diventare sensibile sia al caldo che al freddo e anche masticare può diventare letteralmente impossibile. Basta, infatti, la pressione generata dalla masticazione per scatenare un dolore forte e pungente. L'ascesso può causare anche la presenza di esalazioni maleodoranti provenienti dalla bocca, causate appunto dalla presenza del pus.

ascesso denti

Foto dolgachov © 123RF.com


Come curare un ascesso dentale

Per curare un ascesso ai denti non basta assumere antidolorifici: è molto importante, infatti, non ignorare il problema e affrontarlo di petto.

L'unico modo per curare un ascesso dentale è andare da un dentista, che potrebbe decidere di pulire la zona interessata effettuando altresì un drenaggio, così da rimuovere il pus e curare l'infezione.

Il medico potrebbe prescrivere degli antibiotici per evitare la diffusione dell'infezione, ma in ogni caso è necessario intervenire per eliminare il pus.

Il dentista, inoltre, potrebbe dover effettuare anche una canalizzazione:

  • La polpa infetta deve essere rimossa
  • Il pus deve essere eliminato
  • Il dente deve essere otturato
  • A volte, soprattutto nel caso dei molari, dopo la canalizzazione è necessario applicare una corona per dare sostegno al dente. Nei casi più estremi, invece, il dentista potrebbe suggerire un'estrazione del dente infette.

Attenzione, infine, a quando l'ascesso si rompe prima dell'appuntamento dal dentista: il dolore potrebbe diminuire notevolmente, ma ciò non significa che non sia più necessario intervenire, anzi, sottovalutare il problema potrebbe complicare l'infezione.


Ascesso ai denti: l'uso di antibiotici

Il dentista potrebbe inoltre prescrivere degli antibiotici così evitare la diffusione dell'infezione, ma in ogni caso è necessario intervenire per eliminare il pus.


I rimedi naturali per lenire il dolore da ascesso ai denti

Quando si ha a che fare con un ascesso dentale e quindi con un infezione, i rimedi naturali sono utili per alleviare il dolore. Rimane comunque l'imperativo di doversi rivolgere a un medico o a un dentista: i rimedi naturali affiancano l'intervento farmacologico, necessario per combattere ed eliminare l'infezione.

I rimedi naturali, quindi, sono metodi per contenere i sintomi, non per risolvere il problema

  • Propoli: è un vero e proprio antibiotico naturale e ha momentanei effetti anestetizzanti e antibatterici
  • Sale: in presenza di ascesso ai denti è possibile sottoporsi ai classici risciacqui di acqua e sale, disinfettante e antibatterica.
  • Chiodi di garofano: i chiodi di garofano non sono antibatterici ma vanno a "lavorare" sulla sensibilità e quindi possono ridurre il dolore percepito in caso di ascesso. Sarà sufficiente diluirli in acqua e applicarli sull'ascesso.

Foto: © Artem Furman - Fotolia.com
Fonte: Mayo Clinic

Un aiuto dai farmaci

Dopo aver curato un ascesso può essere utile assumere degli antidolorifici per sedare gli ultimi fastidi. Inoltre se è stata necessaria un'estrazione il dentista potrebbe prescrivere l'assunzione di antibiotici.

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Salute e benessere
SEGUICI